5 dicembre 2020
Aggiornato 22:30
Partiti | Movimento 5 Stelle

Favia: Non mi arrendo, 160mila voti non si cancellano

«Gli interessi privati, i personalismi, la verticalità organizzativa, la fede messianica in un leader,non sono mai stati nel nostro Dna, non sono i nostri semi. Accettare una deriva di questo tipo significherebbe arrendersi e invece non ci arrenderemo mai»

ROMA - «Non mi è arrivata nessuna raccomandata, solo una mail che non ha nessun valore legale»: lo afferma Giovanni Favia, l'espulso da Beppe Grillo che promette una sorta di resistenza.
«Ma 160 mila voti, tanti ne ho presi alle Regionali, non si possono cancellare così, con due righe postate su un blog» osserva. E attacca: «Gli interessi privati, i personalismi, la verticalità organizzativa, la fede messianica in un leader,non sono mai stati nel nostro Dna, non sono i nostri semi. Accettare una deriva di questo tipo significherebbe arrendersi e invece non ci arrenderemo mai».