6 giugno 2020
Aggiornato 23:00
Elezioni | Regionali Sicilia 2012

Crocetta lontano dai 46 seggi, costretto ad allearsi

Al momento le liste per Crocetta sono a quota 30,5% (Pd 13,6%, Udc 10,4%, Mp 6,5%). Quelle per Musumeci 24,4% (Pdl 12,3; Cantiere Popolare 6,2%, Musumeci presidente 5,7%). La lista M5S per Cancelleri è a quota 15,7%

PALERMO - Il quadro che va delineandosi in Sicilia rende molto probabile un governo di coalizione, perché per nessun candidato sembra vicina la quota di governabilità. I dati sono parziali, ma si può tentare già un calcolo, naturalmente a spanne, quando sono state scrutinate 2.029 sezioni su 5.308. La legge elettorale siciliana prevede la seguente ripartizione dei 90 seggi: 80 in quota proporzionale alle liste che superano il 5%; 1 al presidente risultato più eletto e altri 8 come bonus alle sue liste; 1 al presidente che arriva secondo nella contesa. Escluse dalla ripartizione dei seggi sono quelle liste che non raggiungono quota 5%.

Al momento le liste per Crocetta sono a quota 30,5% (Pd 13,6%, Udc 10,4%, Mp 6,5%). Quelle per Musumeci 24,4% (Pdl 12,3; Cantiere Popolare 6,2%, Musumeci presidente 5,7%). La lista M5S per Cancelleri è a quota 15,7%. Quelle infine che superano il 5% per Micciché Presidente sono al 15,7% (Mpa al 9,1%, Grande Sud al 6,6%). Non toccano al momento quota 5% (e al momento sono fuori dall'Ars) la lista di Fli (4%), Idv (3,5%), Sel e Federazione sinistra (3,1%), Popolo dei forconi (1,3%), più altre liste sotto l'1%. In totale, la somma percentuale di liste al momento escluse dalla ripartizione dei seggi tocca quota 14,5% circa. Quindi, 12 seggi da distribuire proporzionalmente: probabilmente 5 a Crocetta, 3 a Musumeci, 2 a Grillo e 2 a Micciché.

Le liste per Crocetta possono contare quindi su 26 seggi, ai quali vanno sommati i 5 della ripartizione dei 12 non assegnati, gli 8 previsti per il presidente più votato e il seggio del presidente. In totale, 40 seggi, forse 41. Le liste per Musumeci dovrebbero ottenere 19 seggi, più il candidato presidente, più i 3 del recupero. In tutto, 23 seggi. Grillo dovrebbe ottenere 13 seggi. Stessa quota per Micciché, 13 seggi.

Nessuno raggiungerebbe quota 46 seggi, che è la maggioranza necessaria per governare un Consiglio composto da 90 consiglieri. E' evidente che in questo quadro si renderebbero necessarie alleanze tra almeno due dei quattro poli in campo.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal