20 novembre 2019
Aggiornato 02:00
Gli scandali vaticani

Padre Georg: Dal Papa nuova linfa, tagliati i rami secchi

Lo ha scritto il Segretario particolare del Papa nell'introduzione al libro «Gesù di Nazaret all'università» che raccoglie gli interventi pronunciati in occasione delle presentazioni del libro del Pontefice, pubblicata oggi in anteprima dal quotidiano della CEI Avvenire

CITTÀ DEL VATICANO - Benedetto XVI «nella Curia ha dato nuova linfa a forme antiche e al contempo ha potato rami secchi», in questi sette anni di suo pontificato. Lo ha scritto il Segretario particolare del Papa, mons Georg Gaenswein nell'introduzione al libro «Gesù di Nazaret all'università» che raccoglie gli interventi pronunciati in occasione delle presentazioni del libro del Pontefice, pubblicata oggi in anteprima dal quotidiano delal Cei Avvenire. Padre Georg, nel trarre «un primo bilancio ricorda come ancora oggi a guidare Ratzinger è 'solo il Vangelo', nel solo di quanto annunciato al momento del suo insediamento quando rinunciò a presentare un suo programma ricordando esso è già stato scritto due mila anni fa».

Il Papa non è un politico - «E' venuto il tempo - ha messo nero su bianco Padre Georg - di sottoporre a profonda revisione l'immagine dell'ex Prefetto Joseph Ratzinger che alcuni media hanno prodotto. Questo non solo per fare giustizia a una grande personalità ma anche per poter ascoltare senza pregiudizi cosa ha da dire quell'uomo che siede sulla Cattedra di Pietro». Perchè «il Papa - ha sottolineato mons Gaenswen di Benedetto XVI- non è un politico e il suo Pontificato non è un progetto», nel senso che per lui esercitare il ministero petrino «non si tratta di esercitare una singolare creatività nè di mettersi in particolare rilievo». E quindi «non è un caso che la parola 'Provvidenza' venga utilizzata dal Papa».

Blog degli «amici di Papa Ratzinger»: Chiudere lo Ior - «Visto che abbiamo capito che tutto il giro del fumo ruota intorno alla 'banca vaticana', credo che un segnale fortissimo potrebbe essere quello di chiudere la baracca». E' la proposta del 'blog degli amici di Papa Ratzinger', battagliera voce sulle vicende vaticane.
La curatrice del blog', 'Raffaella', si dice «francamente sono stanca di dovermi occupare di corvi, corvoni, rane, talpe e Ior!», in un post pubblicato oggi. «Il Vaticano trovi altri sistemi ed altre formule per gestire i fondi per le missioni e per il funzionamento della elenfantesca macchina curiale. Domanda: sono proprio necessari tutti quei preti, vescovi e cardinali a Roma? E quelli in pensione devono proprio stare lì? Davvero non se ne può più! Un Pontificato che deve volare altissimo non può essere sempre imprigionato dalle beghe delle comari o da giri di affari discutibili».