30 marzo 2020
Aggiornato 19:30
Missioni militari all'Estero

Libano, la Brigata «Ariete» subentra alla «Pinerolo» al comando degli italiani

Oggi il passaggio di consegne presso la base «Millevoi» a Shama nel Libano del Sud. Tra le attività svolte dal Contingente italiano, merita particolare menzione l'attività svolta nel settore della cooperazione civile e militare

SHAMA - Oggi, presso la base «Millevoi» a Shama nel Libano del sud ha avuto luogo il passaggio di responsabilità alla guida del Contingente italiano e del Settore Ovest di Unifil (United Nation Interim Force in Lebanon). La Brigata corazzata «Ariete», agli ordini del Generale Gaetano Zauner, subentra alla Brigata meccanizzata «Pinerolo», comandata dal Generale Carlo Lamanna.

La cerimonia è stata presieduta dal Comandante del Comando Operativo Interforze, Generale di Corpo d'Armata Marco Bertolini il quale, nel suo discorso, ha posto l'accento sul significato e sull'importanza che il Paese attribuisce alla missione in Libano, riconoscendo negli sguardi delle autorità libanesi intervenute la bontà del lavoro svolto dai nostri militari. Erano presenti il Comandante di Unifil, Generale di Divisione Paolo Serra, autorità civili, religiose e militari libanesi e folte rappresentanze dei diversi contingenti di Unifil.

Durante gli ultimi sei mesi, il Contingente multinazionale del Settore Ovest guidato dal Generale Lamanna, composto da circa 1100 soldati italiani e da ulteriori 2200 militari provenienti da Ghana, Corea del sud, Malesia, Irlanda, Slovenia e Brunei, ha operato in stretto coordinamento con le Forze Armate Libanesi per garantire sicurezza e stabilità nel Sud del Libano. Sono state effettuate più di 43.000 attività operative per il controllo del territorio e della «Blue Line», di cui oltre 16.000 svolte dai soldati della «Pinerolo», autonomamente o congiuntamente alle Forze Armate Libanesi, in aderenza al mandato previsto dalla risoluzione 1701 (2006) delle Nazioni Unite.

Tra le attività svolte dal Contingente italiano, merita particolare menzione l'attività svolta nel settore della cooperazione civile e militare attraverso un cospicuo numero di progetti e donazioni di materiali realizzati a favore della popolazione e delle Forze Armate libanesi. Per i militari della Brigata Ariete si tratta della terza missione nella «Terra dei Cedri», ove permarranno nei prossimi sei mesi continuando a svolgere i delicati compiti che i Caschi Blu italiani assolvono da settembre 2006 nell'area di responsabilità compresa tra il fiume Litani e la «Blue Line».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal