26 gennaio 2020
Aggiornato 13:00
Crisi economica

Pd: La manovra è un pasticcio, la riscriveremo in Parlamento

Boccia: «E' il testamento del centrodestra, chiude il ciclo Pdl-Lega»

ROMA - «La manovra è un pasticcio, la riscriveremo in Parlamento e chi ha di più dovrà dare di più». Il coordinatore delle commissioni parlamentari economiche del Pd, Francesco Boccia, commenta così il provvedimento anti-crisi approvato dal Consiglio dei ministri.

«Questa manovra chiude definitivamente, dopo quasi 17 anni, la stagione del centrodestra - aggiunge - tra promesse mancate, litigi e aumenti record dell'imposizione fiscale. La sua portata, che colpirà in maniera durissima il paese e i cittadini, è proporzionale alle menzogne e alle false rassicurazioni date dal governo sulla profondità della crisi».

«Gli italiani - ha aggiunto l'esponente democratico - pagheranno gli errori e le sottovalutazioni di Tremonti e dell'esecutivo, responsabili di questo scempio. Si tratta dell'ultimo atto e del testamento di un governo fallimentare, la fine dell'alleanza Lega-Pdl».