5 luglio 2020
Aggiornato 02:30
Ddl processo lungo

Famiglia Cristiana: La mafia ringrazia

«Migliaia di procedimenti saranno rallentati e vanificati»

ROMA - «Processo lungo, la mafia ringrazia». E' il titolo di un editoriale, pubblicato online da Famiglia Cristiana a firma del magistrato Adriano Sansa, in cui si sostiene che la norma che ha avuto la fiducia del Senato «farà danni agli onesti e un favore alla mafia».

«Oggi il giudice, che è organo imparziale, può escludere - è scritto - le prove manifestamente superflue o irrilevanti. Con la legge sul processo lungo non potrà più; solo quelle manifestamente non pertinenti potranno essere escluse. E siccome sono pertinenti a quella vicenda tutte le deposizioni degli spettatori, tutti dovranno essere sentiti. Mesi di udienze per un furtarello».
«A chi giova? A chi - ha affermato Sansa - vuole tirare in lungo il processo: finalmente la verità. Il processo breve era una menzogna, perché significa la morte anticipata della procedura. Qui almeno si dice chiaramente l'obiettivo».
«Su tutto questo, che varrà per decine di migliaia di processi, rallentandoli e vanificandoli, il governo mette la fiducia. Mentre i titoli di Stato italiani - si sottolinea - vacillano, mentre la corruzione distrugge la credibilità delle istituzioni all'interno e all'estero».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal