18 ottobre 2019
Aggiornato 05:30
Inchiesta P4

Papa: Sono pronto a lasciare il seggio se me lo chiede il Pdl

Il Deputato intervistato da Repubblica: «Sono sereno, consapevole della mia innnocenza»

ROMA - Il deputato Pdl Alfonso è pronto a lasciare il seggio alla Camera, se la richiesta arriverà dal suo partito. E se dovesse finire in prigione, dichiara lo stesso Papa in un'intervista a La Repubblica, «sarà un'esperienza dolorosa e ingiustificata, ma la vivrò serenamente, consapevole della mia innocenza».

«Estraneo alle accuse» - «Son pronto a fare i passi che mi saranno richiesti. Comprese le dimissioni. M'interessa solo che si faccia chiarezza», dice Papa all'indomani del primo sì all'arresto, arrivato dalla Giunta per le autorizzazioni della Camera.
«Sono del tutto estraneo alle accuse che mi vengono rivolte e sono ansioso di potermi difendere nel processo e dimostrare, attraverso il processo, la verità dei fatti», afferma, sottolineando che «da magistrato ho sempre rispettato le decisioni dei giudici. Anche la giunta lo è, ma l'aula è organo sovrano».

La P4? «Per quanto mi riguarda non so cosa sia», dice il il deputato pidiellino - Non ho mai fatto parte di consorterie, l'ho appreso dai giornali e dalle carte dei pm. Ma il gip con il no al 416, ha negato che esiste una P4». Quanto a Bisignani, «è un amico», ma niente da nascondere. «Dagli atti si evince che non conosceva il carabiniere lLa Oncia. Parliamo di una loggia segreta tra persone che non si conoscono? E che loggia sarebbe?«