15 ottobre 2019
Aggiornato 19:00
Inchiesta P4

Papa: Nei miei confronti una caccia all'uomo

Il Deputato del PDL ai microfoni del TG1: «Attacchi giudiziari dal 2000, voglio ristabilire il mio onore»

ROMA - «Nei miei confronti c'è stata una vera e propria caccia all'uomo alla ricerca di fatti, con pedinamenti, appostamenti sotto casa mia, rilievi fotografici». Ribadisce la sua posizione il deputato del Pdl Alfonso Papa ai microfoni del Tg1 a proposito dell'inchiesta che lo vede coinvolto nella cosiddetta P4.
La tesi di Papa è di subire l'attacco dei colleghi magistrati per essersi schierato dalla parte del giudice «Cordova che è stato un grande magistrato - ha ribadito Papa - l'unico ad essere stato rimosso per aver preso una posizione contro la sua persecuzione».

«VOGLIO RISTABILIRE IL MIO ONORE» - Quanto alla sua posizione che verrà discussa ancora stasera dalla Giunta per le autorizzazioni della Camera il deputato del Pdl ha aggiunto: «Dal 2000 ho avuto e continuo ad avere una serie di attacchi nell'ambito giudiziario» e quando gli viene chiesto se tema l'arresto ha risposto: «Onestamente l'eventualità e l'ipotesi del carcere non mi è indifferente perchè mi sta a cuore l'accertamento della verità per ristabilire il mio onore come marito, come padre e come parlamentare».