20 novembre 2019
Aggiornato 14:30
Caso Ruby

Fli vota no a elevare conflitto: è scelta giuridica

Consolo: «Prescinde dal merito delle gravi accuse mosse al Premier»

ROMA - Futuro e Libertà voterà contro la richiesta della maggioranza alla Camera di sollevare il conflitto di attribuzione alla Consulta contro la Magistratura di Milano per il processo al Premier per il caso Ruby, «per mere convinzioni giuridiche» e «prescindendo del tutto dalla fondatezza della gravità delle accuse mosse al Presidente consiglio» e «senza voler essere coinvolti in critiche irriguardose delle Istituzioni».

MINISTERIALITÀ - «La legge - ha sottolineato Consolo - non esplicita chiaramente chi sia il giudice naturale della ministerialità dei reati. Ma poichè per le immunità la Camera di appartenenza del parlamentare è invece il giudice naturale della competenza, noi riteniamo che per analogia anche sulla ministerialità dei reati. E non riteniamo che in questo caso via la sussistenza per elevare conflitto di fronte alla Corte Costituzionale».