6 aprile 2020
Aggiornato 00:30
Caso Ruby

Briguglio: se le accuse sono vere Berlusconi non può restare

Il «falco» di Futuro e Libertà: situazione senza precedenti, elezioni non vicine

ROMA - «Accuse gravissime» che «se fossero vere» sarebbero «incompatibili con la carica del Presidente del Consiglio». A giudizio del finiano Carmelo Briguglio con l'inchiesta sul caso Ruby, «siamo in una situazione che non è paragonabile a nessun fatto mai accaduto in precedenza». Convinto ad ogni modo che «le elezioni non sono vicine».
«Fino a quando non si conoscono i dettagli delle accuse - dice il falco di Fli alla Zanzara su Radio24- non possiamo parlare e Berlusconi ha il diritto di difendersi. Il Presidente del Consiglio ci rappresenta e dovrebbe andare dai magistrati per difendersi e spiegarsi».

«Berlusconi e la sua Fidanzata - dice Briguglio sul videomessaggio del Premier- non mi è sembrata una risposta adeguata e non ha avuto l'effetto desiderato. L'effetto del video messaggio non ha convinto molte persone: è una tattica difensiva ma non mi è sembrata una strategia efficace sul piano pubblico e politico».
«I magistrati - dice ancora Briguglio - sono il baluardo della libertà e della democrazia: noi dobbiamo rispettare la magistratura e sollevare che ci sia un complotto è uno sbaglio. Le decisioni vanno prese in base alle carte».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal