22 gennaio 2022
Aggiornato 07:30
Festa Tricolore

A Mirabello la «carica dei 45 finiani»

L'organizzatore Bellotti: «Con noi un ospite a sorpresa. Montezemolo? Per ora niente nomi»

ROMA - Sarà la «carica dei 45», sei giorni di maratona oratoria per rafforzare Futuro e libertà e probabilmente gettare le basi per una nuova formazione politica. Ci saranno tutti i 45 parlamentari finiani, per la festa di Mirabello, i 34 deputati e i 10 senatori, oltre a Gianfranco Fini. Chiuderà i lavori proprio lui, il Presidente della Camera, nel pomeriggio di domenica 5 settembre, dopo sei giorni di lavori (la kermesse infatti partirà il 31 agosto).

La tradizionale festa che fu di An quest'anno rappresenterà il battesimo politico dell'area finiana, in rotta con il Pdl. La organizza Luca Bellotti, deputato di Fli alla terza legislatura. «Questa volta facciamo tutto in casa. Fino all'ufficio di Presidenza del Pdl avremmo dovuto organizzare la festa come Popolo della libertà, poi ci siamo di fatto trovati espulsi dal partito». E così, anche a causa del cambiamento di contesto politico in corso d'opera, difficilmente ci saranno esponenti di altri partiti e del Pdl: «Ma se qualcuno del Popolo della libertà vuole venire va benissimo, anche perché così vedrebbe quante vergognose esagerazioni sono state dette su di noi». Si affronteranno grandi tematiche per il rilancio dell'Italia, giura Bellotti, ma è chiaro che soprattutto il rapporto con Berlusconi e il Pdl sarà al centro del dibattito.

Ma fra gli ospiti, assicura Bellotti, ci saranno anche personalità del mondo imprenditoriale e culturale. Non verrà mica Luca Cordero di Montezemolo? «Da organizzatore posso dire che ci sarà una sorpresa positiva...», sorride misterioso Bellotti. Anche se c'è chi ipotizza nelle file del Pdl, che Mirabello potrebbe rappresentare il palcoscenico ideale per segnare un ulteriore avvicinamento di Giuseppe Pisanu a Futuro e libertà.