16 ottobre 2019
Aggiornato 17:00
Ddl intercettazioni

Berlusconi: difendere la libertà

«Il ddl non è a difesa della casta, sono bugie della sinistra e dei pm politicizzati»

ROMA - Bisogna «difendere la libertà di ciascuno di noi e quindi la libertà di tutti gli italiani da una minaccia che è subdola ma concretissima, l'abuso sistematico delle intercettazioni telefoniche e la loro pubblicazione sui giornali o addirittura in tv». Lo dice il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, in un messaggio per i Promotori della libertà.
«Nessuno - sottolinea il presidente del Consiglio - sta mettendo in discussione l'utilità delle intercettazioni per combattere il terrorismo, la criminalità organizzata e altri gravi reati. E non è vero che si vuole tutelare una presunta casta come affermano, sapendo di mentire, la sinistra, la lobby dei pm politicizzati e dei giornalisti di sinistra».