11 luglio 2020
Aggiornato 23:00
Caso Noemi-Berlusconi

Procura Roma: nessuna indagine su frasi Veronica

«Con segnalazioni anonime non si può fare nulla»

ROMA - La Procura di Roma non ha avviato alcuna indagine rispetto alla presunta frequentazione di minorenni da parte del premier Silvio Berlusconi, così come ha affermato la moglie del presidente, Veronica Lario.

Il procuratore capo Giovanni Ferrara, ad Apcom, ha da una parte confermato che nei giorni scorsi, «in seguito ad alcuni articoli di giornale», sono arrivate all'attenzione degli inquirenti, tramite il sito internet del tribunale, «alcune mail anonime», ma dall'altra ha ribadito: «Con segnalazioni oscure, senza nome e cognome, non ci si può fare nulla e quindi vengono di prassi cestinate. Ed anche in questo caso ci si è comportati in questo modo».

Il magistrato ha spiegato poi che la Procura di Roma sarebbe anche incompetente territorialmente, visto che le presunte dichiarazioni sarebbero state rilasciate comunque in altra regione.