19 settembre 2019
Aggiornato 14:00
Class action

«No a proposta emendativa del governo sulla class action»

A dichiararlo è Antonio Borghesi, responsabile dell’economia e vice capogruppo alla Camera per l’Italia dei Valori

«Italia dei Valori è dalla parte dell’Unione per la difesa dei Consumatori, che giustamente si oppone all’idea del governo di restringere il campo d’azione della Class action. Ci auguriamo che l’esecutivo abbia il buon senso di riconsiderare la questione e non presentare l’emendamento che renderebbe applicabile l’azione collettiva solo agli illeciti compiuti successivamente al luglio 2008». A dichiararlo è Antonio Borghesi, responsabile dell’economia e vice capogruppo alla Camera per l’Italia dei Valori.

«Da un emendamento del genere – aggiunge Borghesi - verrebbe fuori un’inammissibile manovra contro gli onesti risparmiatori, mirata, invece, a salvare i furbi, salvaguardando chi commette illeciti finanziari».
«Se il governo intende andare avanti su questa strada – conclude Borghesi - Italia dei Valori si opporrà duramente in Parlamento contro quella che considera una profonda ingiustizia nei confronti dei cittadini».