21 ottobre 2021
Aggiornato 23:30
Lodo Alfano

Quagliarello: «La sinistra si liberi della sindrome della superiorità morale»

Lo ha affermato nell’Aula del Senato Gaetano Quagliariello, nel corso del dibattito sul lodo Alfano

«Il lodo Alfano serve anche e soprattutto alla sinistra, per liberarsi da quella sindrome di superiorità morale che e’ parte della sua storia e che le ha causato una perdita secca di laicità a lungo scontata. Si tratta di un virus ancora presente nella vita politica italiana, rispetto al quale la sinistra non ha ancora sviluppato anticorpi sufficientemente forti». Lo ha affermato nell’Aula del Senato Gaetano Quagliariello, nel corso del dibattito sul lodo Alfano.

«A quanti ci chiedono come spiegheremo agli italiani la scelta di privilegiare questo come uno dei primi provvedimenti della legislatura, noi rispondiamo che rivendichiamo quest’azione a testa alta. Ne siamo orgogliosi. Abbiamo contribuito, con l’aiuto discreto ma decisivo delle massime istituzioni dello Stato a preservare la legislatura che si sta aprendo dai veleni che fin qui hanno impedito di chiudere la transizione; a creare uno spazio per poter operare in una situazione di difficoltà, ed essere giudicati per quel che sapremo o non sapremo fare.. Abbiamo creato un’opportunità che l’opposizione potrà sfruttare per cercare di sconfiggerci, rinunziando ad ogni mito di cambiamento palingenetico, e convincendo gli italiani di avere più idee e più strumenti per governare questo Paese; oppure, provando a succederci sfruttando l’opera di risanamento, se questa ci riuscirà, così come Tony Blair seppe fare dopo un lungo periodo di permanenza della destra al governo del suo Paese».