15 ottobre 2021
Aggiornato 21:30
L'incarico avrà durata di novanta giorni a decorrere dalla data d’insediamento

Bruno Pastore nominato commissario straordinario della Asl Rm C

Il vice prefetto Bruno Pastore è nato a San Paolo Bel Sito (Na) il 09.06.1943, è entrato nel 1971 nella carriera prefettizia, diventando nel 1987 vice prefetto

Il presidente Piero Marrazzo ha nominato Commissario straordinario della Asl RMC il dottor Bruno Pastore. L’incarico, come previsto dalla delibera approvata in Giunta, avrà durata di novanta giorni a decorrere dalla data d’insediamento.

Il vice prefetto Bruno Pastore è nato a San Paolo Bel Sito (Na) il 09.06.1943, è entrato nel 1971 nella carriera prefettizia, diventando nel 1987 vice prefetto.

A lungo impegnato in Basilicata, vi è stato dirigente del Commissariato del Governo, dal 1980 al 1988 segretario della Commissione di Controllo nell’Amministrazione Regionale, diventando poi, dal 1988 al 1992 Vice Commissario del Governo e Vice Presidente della Commissione di Controllo in Basilicata.

Ha diretto la Protezione Civile lucana dal 1980 al 1993, coordinando, tra l’altro, gli interventi di soccorso nel Comune di Pescopagano in occasione del terremoto del novembre del 1980 ed è stato inoltre commissario straordinario in vari Comuni della Provincia di Potenza: San Chirico Raparo, Forenza, Marsico Nuovo, Genzano di Lucania, Bella.

A capo della Segreteria Particolare del Ministro degli Affari Esteri dal novembre 1992 al maggio 1993, è diventato poi sub-commissario straordinario del Comune di Napoli dall’agosto al dicembre dello stesso anno.

Vice direttore dell’Ufficio Centrale dei Sistemi Informativi del Ministero dell’Interno dal 1993 al 1995, in quell’anno è diventato Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera San Carlo di Potenza, rimanendolo fino al luglio 2003.

Consulente Giuridico della Giunta per le Elezioni e le immunità del Senato della Repubblica dal novembre 2006 al termine della legislatura, dal novembre 2005 al gennaio di quest’anno è stato poi Direttore Amministrativo della Asl Napoli 4 nell’ambito della gestione straordinaria dell’ente a seguito dello scioglimento della Asl per infiltrazioni camorristiche.

È stato poi nominato, nel maggio scorso, commissario straordinario del Consorzio di Bacino Napoli 4, nel quadro della struttura straordinaria che gestisce l’emergenza per i rifiuti in Campania.