5 aprile 2020
Aggiornato 01:30
tech

Così la blockchain di IBM garantirà l'origine dei gioielli

TrustChain terrà traccia e autenticherà diamanti, metalli preziosi e gioielli in tutte le fasi della catena di approvvigionamento globale, dalla miniera al rivenditore

Così la blockchain di IBM garantirà l'origine dei gioielli
Così la blockchain di IBM garantirà l'origine dei gioielli Shutterstock

ROMA - Sebbene sia molto più probabile che i diamanti nel mercato odierno dei gioielli siano esenti da conflitti grazie al sistema di certificazione del processo di Kimberley, può ancora essere difficile risalire ai singoli componenti fino alla loro origine esatta. IBM e un consorzio di imprese di nuova costituzione di oro e diamanti mirano a rendere più trasparente la catena di fornitura dei gioielli attraverso l'uso della tecnologia blockchain.

L'iniziativa TrustChain è la prima ad utilizzare la blockchain per rintracciare la provenienza dei pezzi finiti di gioielleria lungo la catena di approvvigionamento, ed è progettata per fermare il commercio illegale dei cosiddetti "diamanti di sangue" - diamanti estratti nelle zone di guerra e venduti per finanziare un'insurrezione o gli sforzi bellici di un esercito invasore - e promuovere la gioielleria etica in generale.

I consumatori vogliono sapere che i pezzi di gioielleria che stanno acquistando sono dei pezzi autentici. Tuttavia le catene di approvvigionamento sono lunghe e complesse e coinvolgono minatori, scienziati gemmologi, certificatori, regolatori, spedizionieri, fornitori all'ingrosso, progettisti, dettaglianti, assicuratori e altre parti interessate. Le informazioni non vengono condivise nell'intera rete, pertanto spesso è necessario riconciliare più versioni degli stessi documenti.

TrustChain terrà traccia e autenticherà diamanti, metalli preziosi e gioielli in tutte le fasi della catena di approvvigionamento globale, dalla miniera al rivenditore. Le transazioni e i punti dati nella catena di fornitura dei gioielli diventano «blocchi» che rappresentano informazioni uniche che, una volta verificate, diventano parte di una catena permanente che in ultima analisi è l'intero record digitale per il pezzo di gioielleria. Questo processo è abilitato dalla tecnologia blockchain di IBM e dai servizi di verifica indipendenti di terzi di Underwriter Laboratories (UL).

Al progetto collaboreranno numerosi player tra cui Rio Tinto Diamonds (fornitore di diamanti solo per la prova concettuale), Leach Garner (fornitore di metalli preziosi), Asahi Refinery (raffineria di metalli preziosi), Helzberg (rivenditore di gioielli negli Stati Uniti) e il Gruppo Richline (produttore globale di gioielli). Creando un database centrale con amministratori di terze parti, la tecnologia risponde a una grande domanda dei consumatori e costringe le aziende ad essere aperte sulla provenienza dei loro prodotti.

«TrustChain utilizza una tecnologia di contabilità distribuita che stabilisce un record condiviso e immutabile delle transazioni che avvengono all'interno di una rete e quindi consente alle parti autorizzate di accedere ai dati di fiducia in tempo reale - ha detto IBM -. Applicando la tecnologia per digitalizzare i processi, viene introdotta una nuova forma di comando e consenso nel flusso di informazioni, consentendo a coloro che fanno parte della blockchain di collaborare e di stabilire un'unica visione condivisa delle informazioni senza compromettere i dettagli, la privacy o la riservatezza».

La blockchain consente la verifica digitale di pietre e metalli e il loro controllo da parte di terzi, garantendo l'onestà di tutte le parti della catena di fornitura. I conglomerati gioiellieri e le società minerarie hanno a lungo conservato i propri registri per dimostrare che i loro beni erano reali, ma gran parte di essi è stata conservata internamente e relegata sulla carta, il che ha reso difficile la ricerca. Tuttavia, le indagini condotte nel corso degli anni hanno ripetutamente dimostrato che la maggior parte dei consumatori si preoccupa di sapere se i propri acquisti sono effettuati in modo eticamente e ambientalmente corretto.

«I consumatori hanno a cuore la qualità e la fonte dei gioielli che acquistano - ha dichiarato Bridget van Kralingen, Senior Vice President di IBM per Global Industries, Platforms e Blockchain -. Questo è dimostrato dal fatto che il 66% dei consumatori a livello globale è disposto a spendere di più per sostenere marchi sostenibili. TrustChain è un esempio di come la blockchain stia trasformando le industrie attraverso la trasparenza e nuovi modelli di business sostenibili che vanno specificamente a beneficio dei consumatori».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal