22 ottobre 2019
Aggiornato 19:00
sport

E’ torinese il primo motore di ricerca degli sport in città

La piattaforma, come un motore di ricerca, permette di trovare le attività sportive nella propria città

TORINO - Un modo semplice e digitale per trovare l’attività sportiva più adatta alle proprie esigenze, magari sotto casa o di fronte all’ufficio. Un vero e proprio motore di ricerca, come Google. Si chiama ORANGOgo ed è stata sviluppato dalla startup torinese «Sport Gran Tour», la cui mission è combattere la sedentarietà – tra le cause primarie di mortalità e di costi per il sistema socio-sanitario – attraverso la diffusione della pratica sportiva come fattore d’integrazione sociale e di sviluppo economico.

Sono circa 35,6 milioni, infatti, le persone che, in maniera continuativa o sporadica, fanno sport nel nostro Paese: più di un italiano su tre – per la precisione il 34,8% dei nostri connazionali – pratica attività fisica nel tempo libero. Un trend che, secondo gli ultimi dati Istat presentati dal Coni (le ultime informazioni disponibili risalgono al febbraio 2017, ndr.), è in costante ascesa, con una spesa annua di circa 3 miliardi di euro in corsi e abbonamenti.

Una frotta anche piuttosto digitalizzata, considerando che il 23% degli sportivi (oltre 8 milioni di persone), effettua acquisti online. Ed è proprio a queste persone che si rivolge ORANGOgo. La piattaforma permette, in pochi click, di individuare lo sport più adatto alle proprie esigenze, grazie ad una ricerca personalizzabile per geolocalizzazione, disciplina, orari, età e disabilità. Una mappa online alla quale hanno già aderito da tutta Italia 1.600 tra associazioni e società sportive, con un’offerta di oltre 2.500 corsi. Tanto che il motore di ricerca è oggi - a soli 6 mesi dal lancio - il maggior player nazionale del settore.

Navigando sulla piattaforma è possibile imbattersi in offerte già costruite, corsi di ciclismo, pallavolo o danza classica (giusto per fare alcuni esempi) e relativi orari, oppure - proprio come quando cerchiamo un’informazione su Google - digitare lo sport che saremo intenzionati a praticare e il luogo. Con un solo clic avremo a disposizione, in una lista, tutti i centri sportivi in cui si effettuano i corsi che stiamo cercando.

Dopo un percorso di accelerazione accanto agli esperti di Rinascimenti Sociali – SocialFare, il progetto ha catturato l’interesse della società di venture capital focalizzata su aziende ad alto potenziale di scalabilità Boost HEROES, capitanata dal fondatore di lastminute.com Fabio Cannavale, che ha deciso di investirvi. «Operiamo in un settore in piena espansione – spiega Giulia Pettinau, fondatrice di Sport Grand Tour – con un modello di business scalabile che puntiamo a estendere anche all’estero, dove ad oggi non esiste un grande player in grado di fornire una visibilità così completa».