eventi

Maker Faire Roma, prende il via il più grande evento sull'Impresa 4.0

Prioritario il tema dell’impresa 4.0. Ma anche Internet of Things, Agricoltura 4.0, robotica, realtà virtuale e tanto altro

Maker Faire Roma, prende il via il più grande evento sull'Impresa 4.0
Maker Faire Roma, prende il via il più grande evento sull'Impresa 4.0 (ANSA)

ROMA - Torna, con numeri sempre più imponenti e attrazioni sorprendenti, l’atteso appuntamento con «Maker Faire Rome – The European Edition 4.0», manifestazione giunta alla sua quinta edizione. Il più grande evento europeo sull’innovazione e sull’impresa 4.0 parte oggi, 1 dicembre, presso la Fiera di Roma e durerà fino a domenica. Con 7 padiglioni a disposizione (uno in più rispetto allo scorso anno) per oltre 100mila mq di estensione, Maker Faire Rome si conferma la fiera dove prende forma la rivoluzione digitale, il luogo della ribalta dedicato alle famiglie, ai bambini e a tutti gli appassionati di innovazione, ma anche il format consolidato per le aziende e gli innovatori di professione che utilizzano la cultura digitale come mezzo per affrontare le nuove sfide dei mercati.

Resta prioritario e centrale il tema dell’impresa 4.0. Con l’approccio pratico e il linguaggio chiaro che la contraddistingue, Maker Faire Rome intende aiutare il pubblico (composto in buona misura anche da professionisti e imprenditori) a comprendere l’argomento attraverso esempi, simulazioni reali, testimonianze (workshop e seminari). L’obiettivo è quello di guidare i visitatori all’interno di un processo produttivo, possibilmente in funzione, che mostri come il flusso delle informazioni porti intelligenza ed efficienza al processo stesso, dalla produzione alla logistica, dalla supply chain alla sicurezza, dall’energia fino alla personalizzazione del prodotto stesso.

Tanti, attuali e coinvolgenti gli altri temi della quinta edizione. Si va dall’Internet delle cose alla manifattura digitale fino all’agricoltura 4.0, passando per il cibo del futuro alla sensoristica; mobilità smart, riciclo e riuso, edilizia sostenibile; robotica; realtà virtuale e aumentata, salute e benessere; scienza e biotecnologie. La Maker Faire Rome è testimonianza di come la creatività, il lavoro e la forza delle idee siano capaci di generare nuovi modelli produttivi fondati su singole iniziative e progetti brillanti. La città di Roma si conferma, per il quinto anno consecutivo, polo attrattivo di nuove idee, contenuti e modelli economici: basti pensare che ben 750 progetti provenienti da 40 nazioni diverse, con tutti i 28 Stati membri dell’Unione Europea rappresentati, sono arrivati dalla sola «Call for Makers».

Molto ampia e variegata l’offerta formativa della Maker Faire Rome 2017. Ci saranno infatti, nel corso dei tre giorni di fiera, decine di corsi, rivolti in particolare ad artigiani e Pmi, su temi come la stampa 3D, lavorazioni di fresatura e laser, la manifattura robotica o la modellazione  tridimensionale sugli  strumenti  di  disegno  per  la  digitalizzazione  di prodotti e processi fino alla progettazione e fabbricazione digitale per il settore moda. Sarà presente, con un proprio spazio espositivo, anche Unioncamere che spiegherà il ruolo delle Camere di commercio italiane a supporto della digitalizzazione delle imprese: grazie ai PID, i Punti d’Impresa Digitale, localizzati presso le varie CCIAA e che offriranno la diffusione della conoscenza di base sulle tecnologie in ambito Impresa 4.0.

Uno spazio importante è dedicato, quest’anno, al cibo del futuro e al tema dell’agricoltura 4.0. I «Food Makers» stanno rivoluzionando il mondo del food «From Farm to Fork»: agricoltura digitale, food design, mindful eating, smart kitchen, cibi dai «super poteri», e soprattutto, alcune tematiche che impattano quotidianamente sulla vita della comunità saranno trattate con grande attenzione come la valorizzazione del food waste e la food safety. L’area espositiva sarà quindi caratterizzata da attrazioni e installazioni, talks e workshop, in collaborazione con partner tecnico-scientifici e imprese altamente innovative.