17 ottobre 2019
Aggiornato 23:00
iphone

Apple sfrutta studenti cinesi per assemblare l'iPhoneX: «Lavoriamo 11 ore al giorno»

Doveva fare parte del loro percorso scolastico, invece, si sono ritrovati ad assemblare iPhone per 11 ore al giorno

NEW YORK - Sembrava tutto pronto, ma la maggior parte degli utenti riuscirà ad avere il nuovo iPhone X, solo nel 2018. Causa una domanda insistente che, nonostante l’ingente prezzo del melafonino (sui 1000 dollari), arriva sempre più copiosa. Messo sotto pressione dai ritardi nella produzione, per assemblare l'iPhone X in una sua fabbrica in Cina il fornitore taiwanese di Apple (Foxconn) ha arruolato studenti facendo fare loro gli straordinari; si tratta di una mossa illecita in base alle leggi cinesi. Lo scrive il Finacial Times, che ha parlato con sei di quei studenti, parte di un gruppo di 3.000 inviati nello stabilimento dalla loro scuola, la Zhengzhou Urban Rail Transit School.

Secondo questi giovani con un'età tra i 17 e i 19 anni, a loro era stato detto che per completare il loro percorso scolastico dovevano trascorrere tre mesi nella fabbrica come «esperienza di lavoro». Peccato che stando a uno di loro, siano stati praticamente costretti a lavorare là, e questo nonostante le loro mansioni non avessero nulla a che fare con i loro studi. Una diciottenne ha spiegato di avere assemblato fino a 1.200 videocamere al giorno dell'iPhone di alta gamma con cui Apple ha celebrato il decimo anniversario del lancio del suo smartphone.

Contattati dall'FT, Apple e Foxconn hanno ammesso di avere scoperto casi di stagisti che hanno lavorato eccessivamente. Pur dicendo di avere fatto ricorso a rimedi, le due aziende hanno sostenuto che gli studenti stessero lavorando volontariamente. Il gruppo di Cupertino ha aggiunto che quegli studenti «erano pagati e a loro venivano dati benefit, benché non dovesse essere permesso di fare straordinari». Foxconn ha dichiarato che «tutto il lavoro era volontario e retribuito in modo appropriato» e che gli stagisti «hanno lavorato eccessivamente in violazione della nostra politica» che impedisce loro di lavorare oltre le 40 ore per settimana.

Stando a un dipendente citato anonimamente dall'FT, durante la stagione intensa che va da agosto a dicembre è normale che nella fabbrica a Zhengzhou vengano arruolati studenti; ciò può portare il numero di persone al suo interno da 100.000 a oltre 300.000, arrivando a produrre fino a 20.000 iPhone al giorno. Quest'anno, ha spiegato la stessa fonte, il bisogno di lavoratori era superiore al solito. Forse anche perché il lancio dell'iPhone X, con cui Apple ha festeggiato il decimo anniversario dello smartphone, è stato caratterizzato da problemi alla produzione che hanno costretto l'azienda a posticiparne l'arrivo nei negozi da settembre a novembre. I conti della stessa Foxconn ne hanno risentito.