25 giugno 2022
Aggiornato 10:00
bandi pubblici

Horizon 2020, come l'UE investirà i 30 miliardi in innovazione e ricerca (dal 2018 al 2020)

ll programma di lavoro Horizon 2018-2020 concentrerà gli sforzi su un minor numero di temi con bilanci più ampi

Horizon 2020, come l'UE investirà i 30 miliardi in innovazione e ricerca (dal 2018 al 2020)
Horizon 2020, come l'UE investirà i 30 miliardi in innovazione e ricerca (dal 2018 al 2020) Foto: Shutterstock

BRUXELLES - La Commissione europea ha annunciato in questi giorni come intende spendere i 30 miliardi di euro del programma di finanziamento della ricerca e dell'innovazione dell'UE Horizon 2020, nel periodo 2018-2020, di cui 2,7 miliardi saranno usati  per dare il via a un Consiglio europeo dell'innovazione.

Horizon 2020, il programma UE di finanziamento per la ricerca e l'innovazione da 77 miliardi di euro, sostiene l'eccellenza scientifica in Europa e ha contribuito in questi anni a rendere possibili scoperte scientifiche di alto profilo come quella degli esoplaneti e delle onde gravitazionali. Nei prossimi tre anni, la Commissione cercherà di ottenere un maggiore impatto dei suoi finanziamenti per la ricerca concentrandosi su un minor numero di temi critici come la migrazione, la sicurezza, il clima, l'energia pulita e l'economia digitale. Horizon 2020 sarà inoltre più orientato a promuovere l'innovazione come creatrice di mercato. «Intelligenza artificiale, genetica, Blockchain: la scienza è al centro delle innovazioni più promettenti di oggi - ha detto Carlos Moedas, commissario responsabile per la ricerca, la scienza e l'innovazione della Commissione UE -. L' Europa è leader mondiale nella scienza e nella tecnologia e svolgerà un ruolo di primo piano nel promuovere l' innovazione».

Fin dall'inizio del suo mandato, la Commissione Juncker si è impegnata a fondo per offrire ai numerosi imprenditori europei innovativi ogni opportunità di prosperare. Tra il 2018 e il 2020, la Commissione mobiliterà 2,7 miliardi di euro da Horizon 2020 per sostenere l'innovazione ad alto rischio e ad alto guadagno per creare i mercati del futuro.

ll programma di lavoro 2018-2020 concentrerà gli sforzi su un minor numero di temi con bilanci più ampi, sostenendo direttamente le priorità politiche della Commissione:

1) Un futuro a basse emissioni di carbonio e resiliente al clima: 3,3 miliardi di euro;
2) Economia circolare: 1 miliardo di euro
3) Digitalizzare e trasformare l'industria e i servizi europei: 1,7 miliardi di euro;
4) Unione per la sicurezza: 1 miliardo di euro
5) Migrazione: 200 milioni di euro

Oltre 2 miliardi di euro saranno destinati a progetti per l'energia pulita in quattro settori interconnessi: energie rinnovabili, edifici efficienti dal punto di vista energetico, mobilità elettrica e soluzioni di stoccaggio, di cui 200 milioni di euro per sostenere lo sviluppo e la produzione in Europa della prossima generazione di batterie elettriche.

Allo stesso tempo Horizon 2020 continuerà a finanziare la «scienza orientata alla curiosità». Il programma di lavoro annuale del Consiglio europeo della ricerca per il 2018, adottato in agosto, consentirà di sostenere ricercatori eccellenti con quasi 1,86 miliardi di euro. Le azioni Marie Skłodowska-Curie, che finanziano borse di studio per ricercatori in tutte le fasi della loro carriera professionale, ricevono un aumento di 2,9 miliardi di euro in totale nell' arco di tre anni.

Tra il 2018 e il 2020, saranno stanziati 460 milioni di euro nell'ambito di Horizon 2020, destinati specificamente a sostenere gli Stati membri e i paesi associati che non partecipano ancora al programma per sfruttare appieno il loro potenziale. L'obiettivo è quello di attingere alle tasche non sfruttate dell' eccellenza in Europa e oltre. Inoltre, il programma continua a promuovere sinergie più strette con i Fondi strutturali e di investimento europei.

Il programma segna un passo avanti nella promozione dell' Open Science, passando dalla pubblicazione dei risultati della ricerca in pubblicazioni scientifiche alla condivisione delle conoscenze prima del processo di ricerca. Due miliardi di euro saranno destinati al sostegno dell'Open Science e 600 milioni di euro saranno destinati all'Open Science Cloud europeo, all'infrastruttura europea di dati e al computer ad alte prestazioni.