14 ottobre 2019
Aggiornato 13:30
tecnologia

Dalla biometria all'AI, come Lufthansa sta usando la tecnologia per semplificare i nostri voli

Dalla biometria per il controllo della persone all'intelligenza artificiale per offrire un servizio più personalizzato al consumatore. Ecco i test condotti da Lufthansa

BERLINO - Le compagnie aere non sono molto note quanto a innovazioni tecnologiche e scientifiche. Eppure la compagnia tedesca Lufthansa Group (che controlla Lufthansa Airlines, Austrian Airlines e Swiss International Air Lines), ha investito molto negli ultimi tre anni in funzioni digitali per i suoi clienti ‘volanti’. Come ha dichiarato il suo Chief Digital Officer Christian Langer, non si tratta di una scelta, ma dell’unica via per non essere sorpassati completamente dai competitor. L’obiettivo è mettere più potere nelle mani dei consumatori e semplificare il processo d’imbarco. Attraverso la tecnologia.

Biometria a bordo
Stare in piedi durante le lunghe fasi di check in all’aeroporto, è una delle maggiori frustrazioni per un cliente, specie se effettua tanti voli durante la settimana. Benché il 70% dei consumatori di Lufthansa effettua il check in online, la compagnia aerea ha dichiarato di voler eliminare completamente i chioschi tradizionali all’interno degli aeroporti. A partire da novembre, infatti, Lufthansa inizierà a testare un nuovo modo di usare la biometria per controllare le persone (gli aeroporti specifici devono ancora essere determinati). La compagnia dovrebbe testare le impronte digitali, il riconoscimento facciale e gli ultrasuoni.

Realtà virtuale
Lo scorso anno Lufthansa ha introdotto una nuova opzione per i posti a sedere, la cosiddetta premium economy, che include una spazio più ampio per le gambe, bagaglio gratuito e un servizio migliore. Inizialmente, afferma l’azienda, le persone non sapevano come comportarsi di fronte a questa opzione. Così, la compagnia aerea ha posizionato dei device per la realtà virtuale in alcuni gates negli aeroporti del New Jersey e di Francoforte, dove le persone potevano vedere un breve video a 360 gradi che mostrava loro come sarebbe stata l’opzione premium economy. Secondo l’azienda, il 50% delle persone che hanno visto il video, hanno poi deciso di acquistarla. Inoltre Lufthansa ospita anche dimostrazioni di realtà virtuale a bordo, nel suo FlythingLab, un programma che trasforma i suoi aerei in spazi per eventi.

App aggiornata
Lufthansa sta, inoltre, aggiornando la sua app per le prenotazioni e l’assistenza clienti e prevede di introdurre nel più breve tempo possibile assistenti virtuali come Alexa o Google Home. La sua applicazione dice alle persone lo stato dei voli, ma le persone vogliono sapere quando inizia l’imbarco, così Lufthansa comincerà fornire anche orari d’imbarco stimati. Inoltre sta attualmente lavorando con Apple Watch per permettere a chi indossa il wearable di vedere lo stato dei voli anche mentre stanno svolgendo altre attività, come guardare un film (senza doverlo interrompere). Quanto all'aspetto della sicurezza, la compagnia tedesca sta testando delle etichette elettroniche per i bagagli, in modo tale che le persone possano tracciarli usando l’applicazione.

Intelligenza artificiale
Lufthansa usa l’intelligenza artificiale per personalizzare l’esperienza dei suoi consumatori. Per esempio la compagnia sta usando il machine learning e i Big Data per determinare quale offerta includere nella sua newsletter mensile o per offrire alle persone l’accesso  alle aree «lounge» quando sa che i consumatori passano molto tempo in attesa perché hanno avuto più voli in coincidenza. Se il consumatore non accetta per tre volte i servizi offerti, Lufthansa migliora l’algoritmo che cambia quindi comportamento. In costante apprendimento.