30 settembre 2020
Aggiornato 11:00
tech

Loon Copter, il drone che va sott'acqua

La possibilità di riempire una camera di galleggiamento fa sì che il drone possa immergersi. La camera potrà essere svuotata quando si vuole riportare il robot alla sua funzione originaria

OAKLAND - I droni sono il futuro (trasporteranno cibi e merci), ma anche i droni hanno un futuro. Gioco di parole a parte, pare che il domani di questi nuovi strumenti tecnologici sia l’esplorazione anche dell’acqua, un po’ come fossero dei sottomarini. Di fatto è ciò che riesce a fare Loon Copter, il quadricottero tutto fare che non teme i fondali e si trasforma in un vero e proprio sottomarino.

Il drone diventa un sottomarino
Sviluppato da laboratori di ricerca nell’università in Oakland, Loon Copter all’apparenza sembra un drone tradizionale, come i tanti attualmente disponibili sul mercato. A ben guardare, però, il suo corpo più alto determina le nuove funzionalità del multi rotore, che oltre a poter decollare e atterrare sulla terra ferma, non teme di galleggiare sulla superficie dell’acqua e, addirittura, immergersi. Ma dov’è il trucco? Nella sua capacità di riempire una camera di galleggiamento, facendola affondare in modo sicuro a pochi metri sotto la superficie. Loon può inclinarsi di 90 gradi quando si immerge, in modo tale che eliche fungano da motore, potendo così navigare come altri robot appositamente creati per questa funzione. Ovviamente svuotando la camera il drone potrà tornare alla sua abilità originaria, cioè quella di volare.