28 maggio 2020
Aggiornato 21:00
green economy

Asfalto fotovoltaico: in Francia ricoprirà 1000 km di strade, ma funzionerà?

Il fatto che il pannello fotovoltaico sia installato in orizzontale potrebbe, tuttavia, compromettere la sua efficienza così come il passaggio delle auto che genera una situazione di luce e ombra continua

PARIGI - Mille chilometri di strade completamente «ricoperti» di pannelli fotovoltaici. Sembra un progetto impossibile, ma è quello che ha intenzione di fare la Francia che - promette - poserà la prima lastra entro la fine dell’anno per completare l’intera opera nei prossimi 5 anni. Il progetto - se avrà successo - si pone l’obiettivo di dare energia a cinque milioni di famiglie, l’8% della popolazione francese.

Pannelli fotovoltaici sulle strade
Altroché autostrada del Sole (ferma da anni): oltralpe fanno sul serio. Il ministro dell’Ecologia e dell’Energia francese Ségolène Royal ha già stanziato i fondi (200-300 milioni di euro) e gli appalti sono stati affidati alla ditta Colas che provvederà alla costruzione di celle fotovoltaiche adatte al transito di automobili dette Wattway panels. Queste Wattway panel useranno silicio policristallino in vari strati per intrappolare i fotoni di luce. I pannelli (sottilissmi) devono solo essere piazzati sopra l’asfalto, senza bisogno di smantellare nulla. Dati alla mano, ciascun Wattway panel - di 20 metri quadri di superficie - può dare energia a una singola casa. In più, queste lastre sono state brevettate per sopportare qualsiasi tipo di peso (anche i tir più massicci) garantendo - dice l’azienda - 20 anni di perfetto funzionamento. E pensare che queste «strade al sole» saranno il futuro, soprattutto per le «smart cities» delle prossime generazioni. Già in Olanda ci sono piste ciclabili sulle quali sono stati installati pannelli solari.

Ma l’autostrada al sole funzionerà?
Intanto impazzano le polemiche, anche fronte dei 200-300 milioni di euro spesi per il progetto francese e che saranno recuperati attraverso un aumento delle tasse sul carburante. Ma rivoluzionare in questo modo il manto stradale può servire davvero per risparmiare? «Il passaggio delle auto sulle strade comporta una situazione di luce e ombra continua che potrebbe compromettere l’efficienza del pannello fotovoltaico - ci spiega Felice Scotola, co-founder di Greenovation, la piattaforma in grado di progettare la riqualificazione energetica della tua abitazione con pochi e semplici clic -. Il pannello fotovoltaico, inoltre, ha la sua resa massima se posizionato con una certa inclinazione in modo tale che possa recepire in modo ottimale i raggi di sole. In questo caso l’impianto sarebbe orizzontale e avrebbe una resa decisamente inferiore rispetto alle condizioni in cui viene solitamente installato». In parole povere, l’istallazione di impianti fotovoltaici sugli edifici pubblici avrebbe una resa decisamente maggiore: meno soldi spesi e più risparmio.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal