12 dicembre 2019
Aggiornato 21:30

Ecuador, caos presidenziali: avanti Moreno ma Lasso contesta voto

Il candidato socialista avrebbe ottenuto il 51,07% dei voti

Roma, - Elezioni presidenziali in Ecuador dal risultato ancora poco chiaro. Il candidato socialista Lenin Moreno, erede designato del presidente uscente Rafael Correa, è in testa al ballottaggio e si proclama già vincitore, ma il suo avversario, Guillermo Lasso, ha contestato i risultati, chiedendo un riconteggio.

I dati diffusi dal Consiglio nazionale elettorale, con quasi il 95% delle schede scrutinate, danno il candidato socialista vincente con il 51,07% delle preferenze contro il 48,93% andato all'ex banchiere.

"Grazie, grazie a tutti per avermi dato questa opportunità di governare - ha dato Lenin alla folla scesa in piazza a Quito per festeggiarlo - grazie perché mi date questa opportunità di volervi bene ancora di più. Io amo così tanto il popolo ecuadoriano".

Ma Lasso non si è lasciato intimorire dai numeri diffusi e parlando da Guayaquil, sua città natale e capitale economica del Paese, ha promesso che verrà difesa la volontà del popolo dal tentativo di frode, "perché si sta tentando di insediare un governo illegittimo". "Correa, non giocare con il fuoco - ha detto rivolgendosi al principale sostenitore di Moreno- non provocare il popolo, qui ci sono tanti cittadini che non hanno paura e che sono pronti a combattere e a protestare".