7 dicembre 2019
Aggiornato 07:00

CETA, la protesta di Greenpeace contro l'accordo di libero scambio tra Canada e Ue

Undici attivisti di Greenpeace sono entrati in azione nelle acque che circondano il Parlamento europeo a Strasburgo, dove hanno mantenuto a galla una statua raffigurante la Giustizia, evitandone l'affondamento, per denunciare la pericolosità del CETA

STRASBURGO - Undici attivisti di Greenpeace sono entrati in azione nelle acque che circondano il Parlamento europeo a Strasburgo, dove hanno mantenuto a galla una statua raffigurante la Giustizia, evitandone l'affondamento, per denunciare la pericolosità del CETA, l'accordo di libero scambio tra Canada e Ue per il quale sono chiamati a votare i parlamentari europei.

Leggi anche "Ceta: un regalo alle multinazionali, un colpo alla democrazia"

Gli attivisti immersi in acqua, supportati da altri attivisti a bordo di tre gommoni, hanno aperto uno striscione con la scritta "Affondate il CETA, non la Giustizia", chiedendo ai parlamentari europei di rigettare l'accordo. Secondo Greenpeace e molte altre organizzazioni che si oppongono a questo trattato, il CETA rappresenta una minaccia per la tutela dell ambiente, la salute pubblica e i diritti sociali.