17 giugno 2019
Aggiornato 14:30
La prossima settimana il voto di fiducia a leader conservatore

Spagna, via libera dei socialisti a Rajoy. Nuove elezioni evitate

Svolta politica in Spagna. Il partito socialista ha deciso di consentire al leader conservatore Mariano Rajoy di formare un nuovo governo, mettendo così fine a 10 mesi di paralisi politica

MADRID - Svolta politica in Spagna. Il partito socialista ha deciso di consentire al leader conservatore Mariano Rajoy di formare un nuovo governo, mettendo così fine a 10 mesi di paralisi politica ed evitando il ritorno alle urne per la terza volta in un anno. Il comitato federale del Psoe riunito a Madrid ha deciso a larga maggioranza di astenersi al prossimo voto di fiducia per permettere a Rajoy, al potere dal 2011, di formare il governo, questa volta di minoranza.

Astensione sì, appoggio no
«Astensione non significa appoggio. Il partito socialista è arrivato a questa decisione dopo un approfondito dibattito, in un momento difficile per il paese per l'assenza di governo. La ripetizione delle elezioni sarebbe dannosa per gli interessi della Spagna e degli spagnoli» ha detto Javier Fernandez presidente temporaneo del Psoe, dopo le dimissioni del segretario generale Pedro Sanchez che si era sempre opposto a un nuovo governo di Rajoy. Gli avversari di Sanchez infatti hanno preferito ammorbire la propria posizione e rimanere all'opposizione piuttosto che rischiare un risultato elettorale ancora più umiliante di quelli ottenuti nel dicembre del 2015 e lo scorso giugno.

Impasse istituzionale
Il partito popolare di Rajoy ha vinto le elezioni sia a dicembre che a giugno, ma senza ottenere la maggioranza assoluta e nonostante un mandato segnato da scandali per corruzione e crescenti disuguaglianze. Per dare vita a un governo di minoranza, il leader conservatore ha bisogno che i socialisti votino la fiducia o si astengano. Rajoy si presenterà in parlamento, il 29 o 30 ottobre, per avere la fiducia e dare alla Spagna, all'inizio di novembre, un nuovo governo dopo oltre 300 giorni di interim.

(immagini Afp)