26 agosto 2019
Aggiornato 07:30
L'ex premier ha ottenuto il 55% dei voti

Serbia, trionfo di Vucic, eletto presidente al primo turno

Trionfo per il premier serbo Aleksandar Vucic, che ha vinto al primo turno le presidenziali contro dieci avversari che durante la campagna elettorale lo hanno accusato di deriva autoritaria

BELGRADO - Trionfo per il premier serbo Aleksandar Vucic, che ha vinto al primo turno le presidenziali contro dieci avversari che durante la campagna elettorale lo hanno accusato di deriva autoritaria. Accuse che non hanno convinto gli elettori: secondo l'istituto Ipsos, l'uomo forte del Paese, 47 anni, ha conquistato il 55% dei voti, staccando di molto il candidato del centrosinistra Sasa Jankovic, arrivato secondo con il 16% delle preferenze, e il comico Luka Maksimovic con il 9,3%.

La presa di Vucic
Non sembra così venir meno la presa sul Paese di Aleksandar Vucic, ex ultranazionalista convertito al centrodestra impegnato nei negoziati di adesione all'Unione Europea, premier dal 2014. Oggi prettamente onoraria, la carica di presidente ritroverà nei prossimi cinque anni l'importanza che aveva sotto il liberale Boris Tadic (2004-2012), secondo gli analisti.

Accuse di autoritarismo
Ieri, prima di conoscere i risultati, Vucic ha bollato come «ridicole» le accuse di autoritarismo mosse da un'opposizione debole e divisa. In serata, il leader del Partito Progressista ha rimarcato «la grande fiducia» degli elettori che hanno «mostrato in quale direzione vogliono che vada la Serbia».

Legami con  Russia e Cina
«La grande maggioranza dei serbi è per il perseguimento delle riforme, perchè la Serbia prosegua il suo cammino europeo e mantenga i legami con la Russia e la Cina». Vucic ha quindi ringraziato la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente russo Vladimir Putin per averlo ricevuto durante la campagna elettorale.