14 maggio 2021
Aggiornato 03:00
Dopo stop Macedonia a passaggio

Immigrazione, Bulgaria impiegherà l'esercito

La Bulgaria ha annunciato che prevede l'impiego di esercito e polizia per impedire un afflusso di migranti dalla Grecia e dalla Macedonia, che da ieri ha cominciato a respingerli

SOFIA (askanews) - La Bulgaria ha annunciato che prevede l'impiego di esercito e polizia per impedire un afflusso di migranti dalla Grecia e dalla Macedonia, che da ieri ha cominciato a respingerli. Alla luce della situazione «nei Paesi vicini e dell'ondata di rifugiati, il ministero della Difesa proporrà misure per proteggere, con il ministero degli Interni, la frontiera di Stato» ha detto il ministero della Difesa in un comunicato. La ministro degli Interni Rumiana Bachvarova ha confermato che polizia ed esercito pensano a misure «preventive relative alla frontiera con la Grecia e la Macedonia», ma ha aggiunto che non c'è «aumento della pressione migratoria verso il Paese».

Nel 2014 11mila migranti
Membro della Ue, ma non dello spazio Schengen, la Bulgaria finora è rimasta al riparo dal flusso di migranti che attraversa la Grecia, la Macedonia e la Serbia per recarsi in Ungheria e in Europa occidentale. La Macedonia, con una forte presenza di polizia, ha chiuso la sua frontiera con la Grecia e l'Ungheria ha iniziato a costruire un muro al confine serbo. Gli sforzi della Bulgaria sono concentrati sul confine turco, da cui passano i rifugiati mediorientali diretti in Europa. Nel 2014 la Bulgaria ha accolto 11mila migranti, novemila da gennaio e giugno di quest'anno, molti meno della vicina Grecia.