30 luglio 2021
Aggiornato 02:30
L'accusa: avrebbe permesso agli americani di uccidere musulmani

Isis chiama i turchi alla Jihad: «Erdogan traditore»

Lo Stato Islamico ha diffuso in rete un video nel quale ha sollecitato i turchi a unirsi alla Jihad Islamica, accusando il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan di tradimento per avere concesso le basi aerei agli Usa

ANKARA (askanews) - Lo Stato Islamico (Isis) ha diffuso in rete un video nel quale ha sollecitato i turchi a unirsi alla Jihad Islamica contro «crociati, blasfemi e despoti» accusando il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan di «tradimento» per avere concesso le basi aerei del Paese musulmano agli Stati Uniti al fine di bombardare le basi dei jihadisti in Siria e Iraq, come riporta oggi sul suo sito online il quotidiano turco "Zaman".

Le minacce
Nel video postato ieri sera su Twitter si vede un miliziano, affiancato da altri due combattenti, lanciare accuse in lingua turca ad Erdogan per aver «permesso agli americani di uccidere i musulmani». La settimana scorsa sei caccia F-16 dell'aviazione statunitense sono arrivati nella base aerea di Incirlik, nel sud della Turchia, per unirsi alla lotta della coalizione a guida americana contro i militanti dell'Isis.