13 novembre 2019
Aggiornato 03:00
Deve ancora rispondere di stupro

Wikileaks: prescritta accusa di aggressione sessuale ad Assange

Il fondatore di WikiLeaks Julian Assange non dovrà più rispondere dell'accusa di aggressione sessuale, perchè caduta in prescrizione

STOCCOLMA (askanews) - Il fondatore di WikiLeaks Julian Assange non dovrà più rispondere dell'accusa di aggressione sessuale, perchè caduta in prescrizione. Lo ha annunciato oggi la Procura svedese in un comunicato.

Prescrizione
«Dal momento che è giunta la prescrizione per alcuni dei reati, sono obbligato a far cadere parte dell'indagine», ha detto il procuratore Marianne Ny, precisando comunque di voler ancora interrogare Assange, dal 2012 rifugiato nell'Ambasciata dell'Ecuador a Londra, per l'accusa di stupro che cadrà in prescrizione nel 2020. Assange si era rifugiato nell'Ambasciata ecuadoriana nel giugno del 2012 per sfuggire a un mandato d'arresto internazionale che il Regno Unito intende comunque eseguire nel momento in cui dovesse abbandonare la sede diplomatica. Il fondatore di Wikileaks si è sempre dichiarato innocente riguardo alle accuse, ma teme che Stoccolma possa estradarlo negli Stati Uniti a causa della diffusione dei documenti riservati del Dipartimento di Stato, estradizione che Washington non ha comunque finora mai richiesto.