19 agosto 2019
Aggiornato 00:00
Nell'ambito dello scandalo Carlton

Strauss-Kahn, nessuno «stupro di gruppo»

La procura di Lille si prepara ad archiviare l'accusa di «stupro di gruppo» nel quadro dell'inchiesta preliminare avviata a maggio sul «dossier Carlton» a carico di Dominque Strauss-Kahn. Lo rivela questa sera in esclusiva il quotidiano Le Figaro

PARIGI - La procura di Lille si prepara ad archiviare l'accusa di «stupro di gruppo» nel quadro dell'inchiesta preliminare avviata a maggio sul «dossier Carlton» a carico di Dominque Strauss-Kahn. Lo rivela questa sera in esclusiva il quotidiano Le Figaro sul suo sito online. Si trattava dell'accusa più infamante a carico dell'ex direttore del Fondo Monetario Internazionale, che si basava solo sulla testimonianza di una escort belga che aveva partecipato a una «serata» nel dicembre 2010 a Washington.

LA RITRATTAZIONE - Nel corso dell'estate la donna aveva ritrattato, inviando una lettera alla polizia di Lille nella quale sosteneva di non essere stata violentata, ma di aver partecipato in modo consenziente a quelli che ha descritto come «giochi sessuali».
Nell'ambito dello scandalo Carlton, dal nome di una catena di alberghi, Dsk è accusato anche di sfruttamento della prostituzione, riciclaggio, sottrazione di fondi pubblici e truffa.