13 novembre 2019
Aggiornato 03:00
Le stime del Governo

Honduras, le vittime dell'incendio potrebbero essere oltre 300

Il Commissario per i diritti umani, Ramon Custodio, ha infatti precisato che, degli oltre 850 detenuti registrati nel penitenziario, ne mancano all'appello 357

COMAYAGUA - Il ministro per la Sicurezza dell'Honduras, Pompeyo Bonilla, ritiene che le vittime dell'incendio divampato nel carcere di Comayagua «siano più di 300». Bonilla ha precisato che al momento le vittime accertate sono 272, «ma crediamo siano oltre 300».
Il Commissario per i diritti umani, Ramon Custodio, ha infatti precisato che, degli oltre 850 detenuti registrati nel penitenziario, ne mancano all'appello 357. «Questo non significa che siano tutti morti», ha sottolineato, aggiungendo che alcuni potrebbero essere rimasti feriti o essere fuggiti. Decine di detenuti sono stati trasferiti negli ospedali della città di Comayagua, nel centro del Paese.
L'incendio è divampato nella tarda serata di ieri e i soccorsi hanno impiegato più di un'ora per domarlo. Gli inquirenti stanno cercando di appurare se sia stato innescato da un corto circuito o se sia stato appiccato da qualche detenuto.