3 aprile 2020
Aggiornato 22:30
News Corp

Murdoch al NYP: Non eliminate le prove delle intercettazioni

Il gruppo del magnate australiano è sotto inchiesta nel Regno Unito

NEW YORK - Il colosso editoriale News Corp. ha ordinato ai giornalisti del tabloid americano New York Post di conservare tutti i documenti - email, messaggi di testo, messaggi di segreteria, tweet - riguardanti eventuali intercettazioni telefoniche o corruzione di pubblici ufficiali.

Il gruppo di Rupert Murdoch è stato travolto nel Regno Unito dallo scandalo delle intercettazioni illegali, che finora ha portato alla chiusura del tabloid News of the World e alle dimissioni e all'arresto di molti ex direttori e dirigenti dell'azione.

«Con effetto immediato e fino a nuova informatica, voi e il vostro staff dovete rispettare la seguente direttiva - si legge in una circolare inviata dai legali di News Corp ai dipendenti del Nyp, e riportata oggi dalla Cnn - non distruggete, scartate o modificate alcun documento potenzialmente rilevante, anche se normalmente tali documenti verrebbero scartati». Nel documento si sottolinea che tali istruzioni non stanno a significare che sia stato commesso qualcosa di sbagliato o illegale, ma si sottolinea che «alla luce di quanto avvenuto a Londra, riteniamo che adottare questa misura aiuterà a evidenziare con quanta serietà stiamo affrontando la questione».

Oltre al New York Post, News Corp. possiede negli Stati Uniti anche The Wall Street Journal, The Sun e Fox News.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal