20 agosto 2019
Aggiornato 08:00
Ai domiciliari a Broadway

A Strauss-Kahn nessuno gli affitta casa

Già due i rifiuti: il circo mediatico che lo segue fa paura. Fuori gioco anche l'alternativa della casa della figlia

NEW YORK - Dominique Strauss-Kahn è finalmente riuscito a uscire dal carcere di Rikers Island, 24 ore dopo la concessione della libertà su cauzione. L'attesa era dovuta al fatto che l'ex direttore generale del Fondo monetario internazionale non riusciva a trovare un palazzo disposto ad affittargli un appartamento dove aspettare il processo che comincerà l'8 settembre e lo vede accusato di stupro. Alla fine Dsk e la moglie sono riusciti a trovare un appartamento in affitto in un edificio al numero 71 di Broadway, all'estremità sud di Manhattan, e lì sono arrivati ieri sera.

Inizialmente si pensava che sarebbero andati al palazzo di lusso Bristol Plaza, al 210 della 65esima strada est nel ricco Upper East Side di Manhattan, il quartiere con il reddito pro capite più alto della città, a pochi isolati dalla casa del sindaco Michael Bloomberg. La moglie Anne Sinclair aveva infatti affittato due appartamenti nell'edificio, dove un mese può costare fino a 14.000 dollari. E invece, appena saputo chi era il nuovo inquilino, gli abitanti del palazzo hanno sollevato un vespaio e la signora Strauss-Kahn ha deciso di non insistere. Motivazione ufficiale del rifiuto secondo un avvocato della difesa, i disagi provocati dalle centinaia di cronisti, fotografi e curiosi che seguono l'ex direttore dell'Fmi. Infine, secondo una fonte informata sui movimenti di Dsk citata dal New York Times, l'approdo a Broadway, vicino a Wall Street. La permanenza nell'edificio, lussuoso ma non quanto il Bristol, potrebbe essere temporanea. L'edificio non ha infatti telecamere di sorveglianza. Comunque Dsk sarà sotto l'occhio delle guardie private che, a termini della sentenza di scarcerazione, paga di tasca propria: 200.000 dollari al mese.

Fuori gioco anche l'alternativa della casa della figlia sulla 112esima strada ovest: la casa è di proprietà della Columbia University, dove la giovane è iscritta, e l'ateneo ha fatto sapere che Strauss-Kahn padre è persona non grata.