18 gennaio 2020
Aggiornato 09:00
Afghanistan

Emergency, Karzai: questione in odg Consiglio di sicurezza

Accolta la richiesta italiana di chiarimenti. La riunione forse già domani

KABUL - Il presidente Hamid Karzai ha preso atto della richiesta del governo italiano «di chiarimento nei tempi più rapidi dei capi di imputazione relativi» ai tre italiani di Emergency arrestati in Afghanistan ed ha dato istruzioni al proprio consigliere per la Sicurezza Nazionale, Spanta, di iscrivere la questione all'ordine del giorno della prossima riunione del Consiglio di Sicurezza Nazionale, presieduto dallo stesso presidente Karzai, che potrebbe riunirsi già nella giornata di domani. E' quanto si apprende da una nota della Farnesina.

L'Inviato Speciale del ministro degli Esteri Franco Frattini, l'ambasciatore Massimo Iannucci, accompagnato dall'ambasciatore Claudio Glaentzer, ha avuto stamane un lungo e cordiale colloquio con il presidente dell'Afghanistan, Karzai. L'Ambasciatore Iannucci, spiega la Farnesina, ha recapitato al presidente Karzai il messaggio del ministro degli Esteri Frattini e la lettera del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi relativi alla vicenda dei tre cittadini italiani arrestati. L'ambasciatore Iannucci ha ripetuto la richiesta del governo italiano di chiarimento nei tempi più rapidi dei capi di imputazione relativi ai tre cittadini italiani e la garanzia di un pieno rispetto dei loro diritti processuali e di difesa.