14 novembre 2019
Aggiornato 20:30
Afghanistan

Gino Strada: è ora che il governo intervenga

Intervista a Sky Tg24: «Si tratta di una manovra per screditare Emergency»

ROMA - «È ora che chi di dovere si dia una mossa. L'Italia ha tutti i mezzi per poter dire semplicemente 'consegnateci i nostri tre connazionali subito e in ottime condizioni'». Lo ha detto a Sky Tg24 il fondatore di Emergency, Gino Strada.

«Questa è chiaramente una manovra politica per screditare il lavoro di Emergency. Da cittadino italiano e non da membro di Emergency - ha aggiunto il chirurgo - ritengo questa cosa molto offensiva per il nostro Paese. Chi dal nostro paese riceve due milioni di euro al giorno, anche se sotto forma sbagliata, non può permettersi di trattare cittadini italiani in questo modo. Vogliamo renderci conto che è la prima volta che c'è una guerra internazionale e non c'è un giornalista che possa dire ai cittadini del mondo cosa sta succedendo? In qualche modo l'ospedale di Emergency funzionava come punto di osservazione».