26 ottobre 2020
Aggiornato 02:00
Terremoto: bilancio 57 morti

In Turchia sospese le ricerche di superstiti

Le Autorità: non ci sono persone sotto le macerie

OKCULAR - E' di 57 morti e circa 50 feriti il bilancio del terremoto di magnitudo 6 che la scorsa notte alle 4.32 (ora locale, le 3.32 in Italia) ha colpito la provincia orientale turca di Elazig. Le vittime, fra cui diversi bambini, abitavano in cinque villaggi situati nei pressi Karakoçan, dove è stato localizzato l'epicentro. La provincia di Elazig è attraversata dalla faglia sismica attiva dell'Anatolia orientale.

Intanto sono già cessate le ricerche di eventuali superstiti. «Non ci sono più persone sotto le macerie», ha annunciato il governatore provinciale Muammer Erol. Anche il portavoce della cellula di crisi locale, contattata telefonicamente da Ankara, ha confermato all'Afp che non ci sono sopravvissuti da cercare.

Le case nei villaggi colpiti sono costruite generalmente con fango e con altri materiali poco resistenti ai terremoti, frequenti in questa zona. Il premier turco Recep Tayyp Erdogan ha invitato gli sfollati a non rientrare nelle abitazioni danneggiate, anche perchè la prima scossa è stata seguita da una ventina di scosse di assestamento, la più forte di magnitudo 4,1 La terra ha tremato anche nelle vicine province di Tunceli, Bingol e Diyarbakir.