6 dicembre 2019
Aggiornato 01:00

Elezioni Ucraina, tensione nel Paese

I seggi chiudono alle 19 (ora italiana). Al primo turno distacco di dieci punti (35% contro il 25%) per Yanukovych

KIEW - Tensione alta in Ucraina, dove oggi 37 milioni di cittadini sono chiamati ad eleggere il nuovo presidente nel ballottaggio che vede di fronte il leader del Partito delle Regioni, Viktor Yanukovych, e il premier Yulia Tymoshenko. Entrambi i candidati hanno già votato, riporta il sito web della Bbc, e i seggi chiuderanno alle 20 (ora locale, le 19 in Italia).

«Ho votato per una nuova Ucraina, un Paese felice, ricco, bello, uno Stato europeo», ha detto Tymoshenko dopo aver deposto la scheda nell'urna. Secondo Yanukovych le elezioni di oggi sono invece il primo passo verso il superamento della crisi: «Il popolo ucraino merita una vita migliore, per questo ho votato per un cambiamento positivo, per la stabilità e una forte Ucraina», ha detto.

Il distacco di dieci punti dopo il primo turno (35% contro il 25%) non sembra però essere un cuscino troppo confortevole per il candidato filorusso, che pur avendo smentito in diretta televisiva di non temere un'altra Maidan e un'altra ondata di proteste come quella che nel 2004 lo ha costretto a cedere il passo a Viktor Yushchenko, non può certo dirsi sicuro di avere la vittoria in tasca. Soprattutto dopo questa ultima settimana di campagna elettorale in cui la bionda pasionaria della rivoluzione arancione ha dimostrato di non volere arrendersi tanto facilmente. Se non sarà possibile preservare l'espressione onesta della volontà della gente e un risultato onesto, allora senza dubbio chiederemo alla gente di scendere in strada» ha detto la Tymoshenko, sparando forse le sue ultime cartucce.

In caso di contestazioni, Yanukovych non resterà comunque a guardare, avendo già chiesto alle autorità l'autorizzazione per organizzare domani mattina una manifestazione con 50mila persone nei pressi della Commissione elettorale centrale e della presidenza. E i suoi sostenitori negli ultimi giorni hanno già montato una sessantina di tende blu nelle vicinanze della sede della Commissione elettorale.