23 ottobre 2019
Aggiornato 04:00
Missione ISAF

Sondaggio Ft: europei divisi su invio rinforzi in Afghanistan

Ma necessario restare per almeno un altro anno

LONDRA - Circa la metà dei cittadini di quattro (su cinque) paesi dell'Europa occidentale si dice contrario all'invio di ulteriori rinforzi in Afghanistan, secondo un sondaggio dell'istituto Harris pubblicato oggi dal Financial Times. L'ipotesi alla quale sta lavorando la Casa Bianca è quella di mandare in Afghanistan altri 40mila uomini dai Paesi membri dell'Alleanza atlantica.

L'inchiesta è stata svolta in Gran Bretagna, Francia, Germania, Spagna e Italia. Nel primo Paese gli intervistati sono leggermente più favorevoli all'ipotesi di rinforzi: il 34% crede che non dovrebbero essere inviati altri soldati, il 28% ritiene che bisognerebbe mandare circa 20mila soldati. Negli altri quattro paesi invece la percentuale dei contrari è prossima al 50%.

Nonostante il numero crescente di vittime fra le forze alleati, continua il sondaggio, la maggior parte delle persone vuole che le truppe, tanto americane che non, restino per almeno un altro anno in Afghanistan. Grossa sfiducia, soprattutto in Gran Bretagna, genera invece l'equipaggiamento in dotazione ai soldati, causa non secondaria delle alte perdite.