18 gennaio 2020
Aggiornato 23:00
Riferiranno alla polizia di inadempienze

Divieto fumo nei bar, governo turco mobilita 4.500 controllori

Il governo di Recep Tayyip Erdogan punta molto sul rispetto totale delle nuove regole

ANKARA - Un vero e proprio esercito anti-sigarette, per accertare che bar e ristoranti turchi obbediscano al nuovo giro di vite del divieto di fumo, in vigore da domenica prossima. Il ministero della Sanità di Ankara fa sapere - tramite un funzionario che chiede l'anonimato - che un corpo di controllori ad hoc, forte di 4.500 persone, sarà presto sguinzagliato sul terreno per controlli a sorpresa nei locali di tutto il Paese.

I vigili del fumo non potranno comminare direttamente multe o altre sanzioni, ma dovranno riferire alla polizia, che interverrà con ammende ai proprietari o ai clienti dei bar o dei caffè inadempienti.

Il governo di Recep Tayyip Erdogan punta molto sul rispetto totale delle nuove regole, che estendono il bando delle sigarette anche ai locali pubblici. Al di là del proverbiale legame tra turchi e fumo, l'allargamento del divieto ha suscitato molte proteste e i gerenti dei locali minacciano di scendere in strada per ottenere una marcia indietro da parte dell'esecutivo.