20 novembre 2019
Aggiornato 23:30
Terrorismo internazionale

Obama: «Complotti al-Qaida per uccidere americani»

«Non posso dire che non ci sarà un altro attacco terroristico»

WASHINGTON - Il presidente Barack Obama ha ribadito la necessità della lotta degli Stati Uniti al terrorismo, ovvero contro «al Qaida e i suoi affiliati», e ha anche ammesso che esiste la minaccia di un attacco terroristico in cui rimangano uccisi altri americani.

«In questo momento, in campi lontani di addestramento e in città affollate, ci sono persone che stanno complottando per uccidere cittadini americani. Qualcosa che accadrà tra un anno, tra cinque anni e forse tra dieci anni. Né io né nessun altro possiamo dire oggi che non ci sarà un altro attacco terroristico che porrà fine alla vita di altri americani», ha detto Obama, nel discorso con cui ha difeso la strategia di chiudere Guantanamo entro il gennaio del 2010.

Ma «posso dire con certezza che il mio governo -insieme alle nostre straordinarie truppe e agli uomini e alle donne patriottici che difendono la nostra sicurezza nazionale - farà tutto quanto è in suo potere per la sicurezza del popolo americano. E so con ogni certezza che possiamo sconfiggere al-Qaida».