6 dicembre 2019
Aggiornato 21:00

Corte Suprema USA, si ritira David Souter

Obama discute rimpiazzo. Oggi incontro al Senato di Washington

WASHINGTON - Con l'annunciato ritiro di David Souter, il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, avrà l'occasione di effettuare la sua prima sostituzione alla Corte Suprema, la più alta istanza giudiziaria statunitense. Obama oggi vedrà i leader del Senato di ambedue i partiti per discutere i nomi dei possibili successori di Souter. In ogni caso l'orientamento della Corte, oggi prevalentemente conservatore, non muterà poiché Souter è un giudice vicino al partito democratico.

La Casa Bianca ieri sera ha indicato che il processo di selezione dei candidati non è concluso. Il portavoce Robert Gibbs ha detto alla stampa, «non credo che siamo al punto in cui il presidente può dire 'che ne pensate di questi due nomi?». In ogni caso, Obama discuterà oggi con il leader democratico al Senato Harry Reid, con il presidente della Commissione Giustizia Patrick Leahy, il leader repubblicano al Senato Mitch McConnell e il senatore Jeff Sessions, repubblicano e vicepresidente della Commissione.

Souter si ritirerà in giugno e Obama vuole avere il sostituto pronto per la prossima sessione della Corte Suprema in ottobre. Due senatrici, la democratica della California Barbara Boxer, e la repubblicana del Maine Olympia Snowe, hanno scritto a Obama chiedendogli di nominare una donna (attualmente c'è una sola donna sui nove giudici dell'Alta corte.

Le nomine della Corte spettano alla Casa Bianca e devono essere confermate dal Senato. Il più anziano fra i giudici è l'88enne John Paul Stevens, e ci sono altri 4 suoi colleghi che hanno superato i 70.