6 giugno 2020
Aggiornato 17:00
Petrolchimico

Nuovo colpo da 560 milioni di dollari per Saipem

L'azienda di ingegneristica attraverso la sua controllata Petrex SA Chilean Branch, si è aggiudicata un nuovo contratto di Ingegneria e Costruzione dalla società di Stato cilena Corporación Nacional del Cobre de Chile, uno dei maggiori produttori di rame al mondo, per lo sviluppo di una condotta ad acqua e di tutte le strutture associate, incluse le stazioni di pompaggio

ROMA - Saipem, attraverso la sua controllata Petrex SA Chilean Branch, si è aggiudicata un nuovo contratto di Ingegneria e Costruzione dalla società di Stato cilena Corporación Nacional del Cobre de Chile, uno dei maggiori produttori di rame al mondo, per lo sviluppo di una condotta ad acqua e di tutte le strutture associate, incluse le stazioni di pompaggio.

PROGETTO DA 560 MILIONI - La condotta, spiega la società, che avrà una lunghezza totale di circa 160 km e raggiungerà un'altezza di 3.000 metri sopra il livello del mare, sarà utilizzata per migliorare i livelli di estrazione all'interno della miniera di rame Radomiro Tomic, situata a 1.670 km da Santiago, in Cile. Il progetto, del valore di circa 560 milioni di dollari, verrà realizzato in due fasi. La prima fase prevede attività di ingegneria mentre la seconda, di approvvigionamento e costruzione, inizierà una volta approvato il progetto e ottenuti i permessi ambientali.

LE COMMESSE IN KUWAIT - A fine agosto invece Saipem si è aggiudicata commesse da 1,3 miliardi in Kuwait.  In particolare ha ricevuto l'incarico dalla Kuwait National Petroleum (Knpc) di realizzare due delle 5 opere legate alla costruzione della nuova raffineria al-Zour situata a 90 km a sud di Kuwait City, che diventerà uno degli impianti più grandi al mondo con una capacità di 615mila barili al giorno.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal