15 novembre 2019
Aggiornato 20:30
Servizi pubblici locali

Utilitalia: l'associazione di imprese di energia, acqua e ambiente

Fusione tra Federutility e Federambiente, Valotti presidente. Altra novità dal settore è arrivata da A2A e Linea Group, la holding che raggruppa le municipalizzate di Cremona, Pavia, Lodi e Crema, che hanno sottoscritto una lettera d'intenti avviando un tavolo di lavoro congiunto finalizzato alla valutazione di possibili operazioni di partnership di natura industriale.

ROMA - Utilitalia, l'associazione delle imprese di servizi pubblici nei settori energia, acqua e ambiente, è nata dalla fusione fra Federutility e Federambiente. Altra novità dal settore è arrivata da A2A e Linea Group, la holding che raggruppa le municipalizzate di Cremona, Pavia, Lodi e Crema, che hanno sottoscritto una lettera d'intenti avviando un tavolo di lavoro congiunto finalizzato alla valutazione di possibili operazioni di partnership di natura industriale.

600 IMPRESE DIETRO UTILITALIA - «Utilitalia - ha detto il presidente Giovanni Valotti all'assemblea fondativa - nasce con un'idea forte: fornire un contributo qualificato, responsabile e propositivo allo sviluppo del Paese e alla tutela dei diritti dei cittadini. E si candida verso il governo e le istituzioni per accompagnare la riorganizzazione dei servizi pubblici». La nuova realtà associativa, ha sottolineato Valotti, è «un mondo di 600 imprese disponibili a elaborare e discutere progetti e proposte concrete, con ricadute economiche e occupazionali dimostrabili. Chiediamo al governo che ci lasci fare le imprese senza vincoli stringenti, che obblighi enti locali e imprese all'efficienza, che ci metta in condizioni di competere nel nostro paese e in altri paesi a parità di condizioni, che faccia la voce grossa nell'Ue e - ha concluso - faccia chiarezza, togliendo alle imprese il continuo rischio di incappare in infrazioni europee».

LINEA GROUP PUNTA ALLA BORSA - Per quanto riguarda le municipalizzate lombarde, A2A e Linea Group resteranno in costante contatto nei prossimi due mesi per verificare se sussistano le condizioni necessarie per una partnership strategica. Il cda di Linea Group inoltre ha deliberato di attivare un tavolo di lavoro interno al fine di approfondire, parallelamente al confronto con A2A, una valutazione tecnica per la quotazione sul mercato azionario.