29 marzo 2020
Aggiornato 14:00
Il progetto di Ampla

In Brasile la casa del futuro firmata ENEL (che potete costruire anche voi)

In pochi mesi, il progetto NO.V.A. e la piattaforma di crowdsourcing hanno ottenuto online numeri da record. Le parole d'ordine? Economia collaborativa, architettura verde, design, salute e benessere, in un’unica prospettiva di sostenibilità

BRASILE - Nuove tecnologie, sistemi intelligenti, comodità e convenienza. Le parole d’ordine della casa del futuro sono queste, decise dai partecipanti al progetto di crowdsourcing NO.V.A. Nós Vivemos o Amanhã («Stiamo vivendo il domani»), un’iniziativa di Ampla, la società brasiliana del gruppo Enel che distribuisce energia a circa 2,8 milioni di clienti in 66 municipalità dello Stato di Rio de Janeiro. La piattaforma digitale interattiva (che ha anche un canale YouTube) consente agli utenti di contribuire con le loro idee per costruire un’abitazione smart e green a Niterói, in Brasile.

DAL RIUTILIZZO DELL'ACQUA AL SOLARE - Economia collaborativa, architettura verde, design, salute e benessere in un’unica prospettiva di sostenibilità delineata da consumatori consapevoli dell’importanza di preservare le risorse naturali. Questo l'obiettivo. Dallo scorso novembre 1.000 persone hanno contribuito con circa 1.500 idee di cui 615 connesse a tecnologie innovative, 270 a sistemi intelligenti e 240 legate al miglioramento del comfort. Le proposte riguardano ambiti differenti: si va dal riutilizzo dell'acqua in casa, alla creazione di tabelle sul valore nutrizionale di ogni pasto, ma i più gettonati sono i modi più efficienti per sfruttare l'energia del sole, adottando le best practice che i partecipanti hanno trovato ovunque nel mondo, dalla Finlandia all’Australia.

COME SFRUTTARE AL MEGLIO L'ENERGIA - Non mancano piani di mobilità urbana, combustibili a basso impatto ambientale, architettura e design verde, economia della condivisione, stili di vita salutari e suggerimenti su come utilizzare l’energia in maniera più efficiente, ad esempio costruendo le mura dell’abitazione con un innovativo materiale trasparente che consenta la penetrazione di energia solare all’interno, riducendo l’utilizzo di elettricità, e che si oscuri di notte garantendo la privacy dei residenti. Insomma, una nuova idea di casa e un nuovo modo di usare l'energia al suo interno. Un'iniziativa che in pochi mesi in Rete ha raggiunto numeri da capogiro. Dallo scorso agosto a oggi sono state 198mila le persone coinvolte sulla pagina Facebook dedicata – che ha ricevuto più di 38.600 «Like».

LA VEDREMO ENTRO IL 2016 - Chiusa la fase di crowdsourcing, lo Studio Artur Casas progetterà l'abitazione che sarà costruita a Niterói entro il 2016. L'abitazione diventerà un laboratorio di ricerca dedicato all'efficienza energetica e allo studio dell'impatto della tecnologia sulla vita quotidiana. Il progetto NO.V.A. è sostenuto da un investimento di 5 milioni di reais (circa 2 milioni di dollari USA), finanziati dal Programma di Ricerca e Sviluppo della Agenzia Nazionale dell'Energia Elettrica e vede la collaborazione, oltre che di Ampla, comune della municipalità di Niterói, della Fondazione Getulio Vargas e della Pontificia Università Cattolica (PUC-Rio). Alla seconda fase dell’iniziativa parteciperà anche Prátil, altra società brasiliana del Gruppo Enel, specializzata nelle soluzioni tecnologiche smart in campo energetico.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal