9 aprile 2020
Aggiornato 07:30
Moda | L'evento

Pitti Uomo 87, record con 1.119 marchi

In fiera le nuove tendenze della moda maschile. I brand provengono per il 43,59% dall'estero. Su 59 mila metri quadrati di superficie espositiva il salone è suddiviso in 12 sezioni.

FIRENZE - Sono 1.119 i marchi (nuovo record) presenti a Pitti Immagine Uomo, in programma da domani a venerdì alla Fortezza da Basso di Firenze.

I brand provengono per il 43,59% dall'estero. Su 59 mila metri quadrati di superficie espositiva il salone è suddiviso in 12 sezioni: dall'eccellenza delle aziende del nuovo classico, alla ricerca del mondo dell'accessorio con il suo ruolo sempre più decisivo sul mercato, ai brand che hanno saputo spostare in avanti la definizione di sportswear, dagli stili del menswear di domani e le nuove correnti luxury underground ai progetti speciali dei designer di punta internazionali.

Menswear guest designer di Pitti Uomo 87 è Marni, la maison guidata da Consuelo Castiglioni che ha di recente festeggiato i suoi primi 20 anni di attività. A Firenze presenterà la collezione uomo A-I 2015/16 con una sfilata in esclusiva per Pitti, in programma giovedì 15 gennaio 2015 alle 19, al Museo Marino Marini.

Hood By Air, marchio luxury creato da Shayne Oliver nel 2006 e basato a New York, è il Pitti Special Guest di gennaio. In contemporanea con Pitti Uomo si svolgerà inoltre Pitti W, il progetto dedicato alle preview, capsule, installazioni e progetti speciali di moda donna.

A Pitti Immagine Uomo calzature «Brit 60» per Moreschi
Per l'Autunno/Inverno 2015-16, con Pitti Immagine Uomo 87 ormai prossimo all'appuntamento della Fortezza da Basso di Firenze dal 13 al 16 gennaio, Moreschi punta su colori, forme e lavorazioni. Focus dunque su un linguaggio della calzatura che diventa un oggetto d'arte vivente, per un tailored man colto e curioso che percorre il mondo per scoprirne le eccellenze. Un uomo espressione di un'eleganza senza tempo, contemporanea e cosmopolita.

Ecco allora le «Brit '60», calzature che si ispirano al fascino della swinging London ed interpretano il classico della tradizione inglese con un twist contemporaneo e trendy. Le «Brit '60» si caratterizzano per una tintura a mano patinata che realizza sfumature di colore creando riflessi e toni diversi sulla tomaia, per una suola in gomma extralight alta 22 millimetri per una camminata super soft.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal