20 settembre 2019
Aggiornato 08:00
Possibile alleanza tra Mediaset premium e Telecom Italia

Berlusconi: Non vogliamo scalare la Telecom

Mediaset sta parlando con Telecom Italia in vista di una possibile alleanza su Mediaset Premium. Lo ha confermato lo stesso Pier Silvio Berlusconi, vicepresidente del Biscione, nel nuovo libro di Bruno Vespa in uscita il prossimo 6 novembre.

MILANO - Mediaset sta parlando con Telecom Italia in vista di una possibile alleanza su Mediaset Premium. Lo ha confermato lo stesso Pier Silvio Berlusconi, vicepresidente del Biscione, nel nuovo libro di Bruno Vespa in uscita il prossimo 6 novembre.

BERLUSCONI: NON ABBIAMO MIRE SU TELECOM - «Stiamo parlando - ha detto - Il nostro progetto è giusto non solo per Mediaset Premium e per Telecom, ma anche per il paese. L'Italia non perderebbe una delle ultime occasioni per mantenere in mani italiane la leadership in un settore strategico come questo.» Berlusconi jr ha poi ricordato che nel 2001 portò a suo padre «il progetto di una fusione Telecom-Mediaset con enorme anticipo sui tempi. Ci avrebbe portato a una posizione di grande vantaggio sul mercato europeo - ha spiegato - Poi, a causa del solito conflitto d'interessi, un po' per mancanza di convinzione, il progetto è saltato. Peccato, perché il mondo è andato in quella direzione. Non c'è nessuna mira da parte nostra sull'azionariato di Telecom e tantomeno sul controllo». Così il vicepresidente di Mediaset, Pier Silvio Berlusconi, nel nuovo libro di Bruno Vespa in uscita il 6 novembre. «Portiamo avanti un progetto industriale Mediaset per legare l'abbonamento alla pay tv ai servizi telefonici. Ci crediamo profondamente e lo svilupperemo - ha aggiunto - Certo, una partnership con Telecom avrebbe senso, ma ci sono anche altre strade.»

ENTRO IL 2016 LA FIBRA RAGGIUNGERÀ IL 50% DELLA POPOLAZIONE - La Spezia è tra le prime città italiane a disporre di infrastrutture telefoniche di nuova generazione già pienamente operative. Gli importanti interventi infrastrutturali riguardanti la realizzazione delle reti ultraveloci fissa e mobile in città sono stati illustrati oggi dagli assessori comunali Corrado Mori e Davide Natale, dal responsabile Network Development Centro di Telecom Italia, Roberto Baccini e dal responsabile Access Operations Liguria di Telecom Italia, Lazzaro Damonte. A poco più di un anno dall'avvio del progetto che ha visto Telecom Italia impegnata nella realizzazione della nuova rete in fibra ottica Ngan (Next Generation Access Network) e di quella mobile 4G, nella città ligure l'ultrabroadband è già realtà. L'investimento complessivo di Telecom Italia per realizzare queste infrastrutture di nuova generazione è stato di circa 4 milioni di euro. «Nell'ambito del piano d'investimenti, Telecom Italia - ha dichiarato Baccini- ha deciso di dedicare una quota significativa ai programmi di sviluppo delle proprie reti in fibra ottica e 4G. Si tratta - ha concluso - di un progetto ambizioso che a livello nazionale prevede di raggiungere entro il 2016 con la rete Ngan oltre il 50% della popolazione e con la rete 4G mobile l'80%, dando un notevole contributo al conseguimento degli obiettivi previsti dall'Agenda Digitale europea».

TIM BRASIL NON È IN VENDITA - Nessuna discussione in corso per vendere Tim Brasil. Lo ha ribadito Telecom Italia, secondo quanto riporta un filing della società brasiliana emesso su richiesta della Consob locale, in relazione a un articolo pubblicato ieri sul quotidiano O Estado de Sao Paulo dal titolo «L'America Movil di Carlos Slim investirà 10 miliardi di reais in Brasile nel 2015». Sia il management di Tim Brasil sia Telecom Italia - si legge - «non hanno alcuna conoscenza nè stanno prendendo parte in discussioni finalizzate alla possibile vendita della società, così come non sono a conoscenza del contenuto delle discussioni tra Btg e gli azionisti di Oi circa le alternative di consolidamento».