21 aprile 2021
Aggiornato 08:30
Concorsi

Vino e architettura: un concorso internazionale per dare spazio ai giovani

La Cantina Valpolicella Negrar ha indetto un bando di concorso aperto a giovani studenti di architettura per rivisitare l'attuale sede della società: l'idea è la creazione di un Wine Culture Center, una sorta di edificio manifesto del vino

VERONA - Un bando di concorso internazionale rivolto ai giovani, per ristrutturare una Cantina storica e farne un centro culturale dedicato al vino. È questa l'iniziativa della Cantina Valpolicella Negrar, che da oltre ottant’anni offre vini frutto di antichi saperi, abilità enologica e innovazione. Complici gli ottimi risultati (+23% di fatturato nel 2013 rispetto all'anno precedente), che evidenziano l'elevato valore strategico riconosciuto nel mondo della qualità dei prodotti della Cooperativa e le ulteriori prospettive di apertura dei mercati esteri, Cantina Valpolicella Negrar ha deciso di metter mano agli attuali luoghi di vinificazione e d'investire in un ambizioso progetto architettonico di immediata fattibilità orientato, da un lato, a rispondere a nuove esigenze funzionali e, dall’altro lato, a rispecchiare la qualità dei propri vini.

Valorizzare l’inventiva e il talento dei giovani. «Per farlo, Cantina Valpolicella Negrar ha deciso di puntare sui giovani e di sostenere YAC (Young Architects Competition), rete mondiale promotrice di concorsi di progettazione ed architettura rivolti a giovani progettisti, neolaureati e studenti», spiega Carlo Alberto Recchia, presidente della Cooperativa. «Perciò - continua Recchia - la Cantina ha affidato a YAC l’organizzazione di un bando di concorso internazionale denominato Wine Culture Centre per trasformare la sede attuale di Negrar, risalente al 1957, in un luogo che aspira a riformulare, in chiave contemporanea, il concetto stesso di cantina: da semplice opificio a centro di produzione all’avanguardia e di ricerca, a luogo di incontro e di relazione con il suo ambiente-territorio, catalizzatore di cultura e turismo».

Il progetto. Un edificio-manifesto della cultura del vino. Nel rispetto dei vincoli normativi che tutelano la preziosità del territorio e di una politica di sostenibilità energetica, YAC è stata chiamata a progettare tetto, magazzino e fruttaio nonché a ristrutturare l’attuale percorso di visita, immaginando gli spazi inutilizzati in un certo periodo dell’anno, come i fruttai, per l’organizzazione di momenti associativi ed eventi culturali.

Tempistica. Le iscrizioni sono aperte sul sito www.youngarchitectscompetitions.com/it/registration.html e chiudono il 30 giugno 2014. Il 4 agosto è prevista la pubblicazione dei risultati e il 20 settembre si svolgerà la cerimonia di premiazione con l’ inaugurazione dell’esposizione dei progetti.

La Giuria. E' di altissimo livello ed è composta da: Nicola Scaranaro (Foster&Partners, Londra), Alfonso Femia (5+1AA, Genova), Fiorenzo Valbonesi (ASV3, Cesena), Antonio Ravalli (Ferrara), Markus Scherer (Merano).

Premi. La somma totale prevista è di 15 mila euro (primo premio 8.000 euro, secondo 4.000 euro e terzo 2.000 euro). Sono inoltre previste due Menzioni d’Onore «Gold» di 500 euro ciascuna e ulteriori dieci Menzioni d’Onore. Tutti i progetti premiati verranno pubblicati sul sito YAC e altri siti web e format di architettura, oltre ad essere esposti in eventi di architettura nazionali ed internazionali.