4 aprile 2020
Aggiornato 04:00
10 milioni di euro a sostegno delle imprese della Brianza

Nascono i bond Brianza

Banca Popolare di Bergamo, Camera di commercio di Monza di Brianza, Provincia di Monza e Brianza e tutte le associazioni di categoria insieme per sostenere le imprese, che chiedono meno tasse e più facilità di accesso al credito per uscire dalla crisi

MONZA - Banca Popolare di Bergamo, Camera di Commercio di Monza e Brianza e Provincia di Monza Brianza promuovono Bond Imprese Brianza, il plafond di 10 milioni di Euro a sostegno delle imprese della Brianza nato nell’ambito del «Tavolo per lo sviluppo». Oggi presso la sede della Camera di commercio di Monza e Brianza - alla presenza del Presidente Carlo Edoardo Valli, del Presidente della Provincia di Monza e Brianza Dario Allevi, del Direttore Generale della Banca Popolare di Bergamo Giuseppe Masnaga e del Direttore Territoriale Monza e Brianza della Banca Popolare di Bergamo Roberto Masola - hanno sottoscritto la convenzione per il fondo Sandro Mauri Presidente di ACAI Monza e Brianza, Gianni Barzaghi Presidente di APA Confartigianato Milano - Monza e Brianza, Rolando Guzzonato Presidenza Assimpredil Ance, Pietro Paraboni Presidente della Compagnia delle Opere di Monza e Brianza, Stefano Valvason Direttore Generale Confapi Industria, Massimo Manelli Direttore Generale Confindustria Monza e Brianza, Davide Grassi rappresentante CNA Milano – Monza e Brianza, Walter Mariani Presidente Unione Artigiani della Provincia di Monza e Brianza, Enrico Origgi Presidente del coordinamento provinciale delle associazioni Confcommercio di Monza e Brianza.

Bond Imprese Brianza Monza - T2 Territorio per il Territorio è un prestito obbligazionario con un plafond di 5 milioni di Euro - periodo di collocamento dal 4 febbraio 2013 al 20 marzo 2013 - destinato a risparmiatori privati e imprese del territorio. Questa raccolta, grazie al raddoppio da parte di Banca Popolare di Bergamo, consentirà di avere a disposizione un plafond di 10 milioni di Euro per finanziamenti finalizzati a supportare la realizzazione di programmi di sviluppo (investimenti produttivi materiali ed immateriali, riferiti anche a progetti di rete di imprese, di ricerca/innovazione tecnologica e di internazionalizzazione), la creazione di occupazione e la riqualificazione professionale dei dipendenti, nonché di far fronte alle esigenze di liquidità. Potranno beneficiare le imprese di tutti i settori iscritte alla Camera di commercio di Monza e Brianza e collegate al sistema associativo, attraverso finanziamenti compresi tra 25 mila e 500 mila euro, con durata fino a 48 mesi.

«Questa iniziativa sancisce un nuovo patto per il territorio della Brianza – ha dichiarato Carlo Edoardo Valli, Presidente della Camera di commercio di Monza e Brianza - che rimette al centro il fare impresa e la fiducia nella capacità imprenditoriale dei nostri brianzoli, agendo su una delle leve strategiche dello sviluppo ovvero l’accesso al credito. Un progetto che può favorire, in modo concreto, la ripresa, mettere in moto nuovi investimenti, con l'intento che possa essere di stimolo per un nuovo rapporto fra il sistema creditizio, l’impresa e il territorio».
«Oggi rispondiamo concretamente, da ‘veri brianzoli’, alle richieste pressanti che i nostri imprenditori hanno portato al Tavolo per lo Sviluppo nel corso del 2012 – aggiunge Dario Allevi, Presidente della Provincia MB – Ci chiedevano uno 'sforzo sul credito' come condizione indispensabile per ripartire. A questa domanda rispondiamo oggi con questa iniziativa, con un occhio di riguardo non solo alla realtà delle imprese, ma anche ai riflessi occupazionali sui lavoratori ben sapendo che – dal nostro punto di vista - è questo uno degli aspetti da presidiare con maggiore attenzione e sensibilità, anche per le sue ricadute sociali. Ripartire dalla Brianza significa trarre linfa vitale dall’anima di questa terra: una terra che non si arrende e che si ostina a credere nelle sue risorse migliori: il saper fare».

Roberto Masola – Direttore Territoriale Monza e Brianza della Banca Popolare di Bergamo - dichiara: «In questa complessa fase congiunturale Banca Popolare di Bergamo, Camera di Commercio e Provincia di Monza e Brianza, unitamente a varie associazioni del territorio, hanno pensato di proporre qualcosa di reale, di tangibile, che potesse incontrare i favori sia dei risparmiatori che delle tante aziende che quotidianamente combattono la crisi; con queste premesse nasce il progetto che siamo a presentare, con benefici diffusi sia per i risparmiatori, che possono sottoscrivere un prestito obbligazionario con un importante rendimento, sia per le realtà produttive e commerciali del Territorio, che possono attingere al credito a condizioni di favore ed in tempi ristretti. Siamo confidenti affinché sia la fase di raccolta che quella di impiego possano esaurirsi in un lasso temporale molto ristretto, ricordando che la Banca si impegna a mettere a disposizione sotto forma di finanziamenti un plafond doppio di quanto raccolto».

Giuseppe Masnaga – Direttore Generale della Banca Popolare di Bergamo- conclude: «Siamo estremamente soddisfatti di aver collaborato con tanti «circoli virtuosi» del Territorio, che prontamente e con entusiasmo hanno aderito all’iniziativa; la presenza della Camera di Commercio di Monza e Brianza, della Provincia e di tante Associazioni concorre realmente a definire tale progetto di sistema. Mi piace pensare che con questa formula di finanziamento, a costi contenuti, le Pmi brianzole possano intraprendere nuovi piani di investimento e di internalizzazione, aspetto quest’ultimo sempre più imprescindibile in considerazione di un mercato interno estremamente fragile.»

Le imprese della Brianza Sono 4.782 le imprese nate nel 2012 a Monza e Brianza (un dato più basso rispetto al 2011, con 142 imprese in meno), a fronte delle 4.061 imprese cessate (vale a dire 11 chiusure al giorno, 413 in più rispetto all’anno precedente). Eppure nonostante i dati riflettano le difficoltà del sistema imprenditoriale ed economico, in Brianza il saldo tra imprese iscritte e cessate è ancora positivo: +721 imprese nel 2012. Monza e Brianza è nella classifica italiana la prima provincia lombarda per tasso di crescita (+0,99%), undicesima a livello nazionale. E per uscire dalla crisi le imprese chiedono meno tasse (81,7%) e più facilità di accesso al credito (43,1%). È quanto emerge da una elaborazione e da una indagine dell’Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza.

Bond Imprese Brianza Monza - «T2 Territorio per il Territorio»
Il Progetto Bond Imprese Brianza Monza - T2 Territorio per il Territorio si realizza attraverso l’emissione di prestiti obbligazionari e la successiva erogazione di finanziamenti da destinare alle imprese iscritte alle Associazioni firmatarie; si sottolinea che l’eventuale sottoscrizione del prestito obbligazionario non attribuisce alcun diritto alla concessione del finanziamento o ad ottenerlo a condizioni migliorative e, parimenti, la concessione del finanziamento prescinde dalla preventiva sottoscrizione del prestito obbligazionario.

La sottoscrizione
Banca Popolare di Bergamo emetterà un prestito obbligazionario a tasso misto per un importo complessivo di 5 milioni di Euro (lotto minimo un’obbligazione da valore nominale 1000 Euro cadauna), destinato a nuova raccolta, con periodo di offerta dal 04 febbraio 2013 al 20 marzo 2013, salvo chiusura anticipata. Durata del prestito obbligazionario 3 anni (20/03/2013-20/03/2016) con rendimento per il primo e secondo anno del 3,50% lordo, e per il terzo anno Euribor 3 mesi + 1% di spread. Le cedole saranno pagate in via posticipata con frequenza trimestrale al 20 marzo, 20 giugno, 20 settembre, 20 dicembre di ciascun anno.
Coloro i quali fossero interessati alla sottoscrizione dei suddetti prestiti obbligazionari possono recarsi presso una qualsiasi filiale della Banca Popolare di Bergamo dove verrà loro consegnata la necessaria documentazione d’offerta.
Il Prospetto di Base, il Documento di Registrazione, il Supplemento al Prospetto di Base e le Condizioni Definitive sono reperibili sul sito internet www.bpb.it nonché messi a disposizione del pubblico gratuitamente presso le sedi legali della banca collocatrice e presso tutte le filiali.

La distribuzione
In una fase successiva verrà messo a disposizione uno specifico plafond pari al 200% di quanto collocato per l’erogazione di finanziamenti, a condizioni competitive, destinati alle imprese della provincia di Monza Brianza iscritte alla Camera di commercio di Monza e Brianza, appartenenti a tutti i settori e collegate alle Associazioni territoriali aderenti al progetto, con termine domande al 31/08/2013. Fermo restando che la valutazione del merito creditizio per la concessione dei finanziamenti è di esclusiva e discrezionale competenza della Banca, le imprese potranno accedere al plafond per finanziare investimenti produttivi – materiali ed immateriali - riferiti anche a progetti di rete di imprese e di internazionalizzazione, per la creazione di occupazione e di programmi di riqualificazione professionale dei dipendenti oltre che far fronte alle esigenze di incremento del circolante.
Gli importi finanziabili sono compresi tra 25 mila e 500 mila euro, avranno durata fino a 48 mesi, con un tasso pari all’Euribor 3 mesi media mese precedente, maggiorato di uno spread in funzione delle finalità del finanziamento, del rating e dell’eventuale presenza di garanzia consortile.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal